Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 1370
VITTORIA - 06/12/2011
Sport - Calcio: dovrebbe tornare il sereno molto presto nella società

Marcello Mascara sarà il nuovo presidente del Vittoria

Il papà del bomber sarà il garante della società. Ezio Raciti invita a far presto: «Alla squadra serve serenità, ben venga la sistemazione societaria»
Foto CorrierediRagusa.it

Tranne colpi di scena dell’ultima ora, è prevista al più presto l’ufficializzazione della nuova società biancorossa. Marcello Mascara (nella foto di Franco Assenza) sarà il nuovo presidente, dietro di lui la cordata di Catania con il ritorno di Francesco Di Paola. Rientro in gruppo anche per Giuseppe Cassarino e la new entry Salvatore Petralia. Oltre al direttore sportivo Franco Pluchino (foto) rimarrà in sella anche il ruolo di Gianni Battaglia (chiamato dallo stesso Peppe Mascara circa un mese fa).

Lo stesso Gianni Battaglia è fiducioso: «Manca poco da sistemare. Stiamo ultimando le pratiche per il definitivo passaggio della società al gruppo Mascara. A breve saremo in grado di dare la notizia ufficiale. Da dove ripartire? Occorre che la squadra, una volta sistemati i problemi societari, dia anima e corpo in campionato. Le partite saranno la nostra medicina per uscire quanto prima dalla brutta situazione. Ci riusciremo, perché Vittoria dispone di un gruppo di giocatori all’altezza».

Il tecnico Ezio Raciti tira un sospiro di sollievo. «Serve serenità – ripete da settimane l’allenatore – quindi che ben venga la sistemazione societaria. Ci aiuterà a lavora meglio. La gara di domenica? E’ stata una bella partita, i ragazzi sono scesi in campo motivati, forse per riscattare anche l’assurda sconfitta di domenica scorsa a Lentini. Anche se devo ammettere che in quell’occasione la squadra era del tutto svuotata di concentrazione. La qualificazione di Coppa Italia ci ha dato poi quella forza in più per disputare contro il Caltagirone un’ottima prestazione».