Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 864
VITTORIA - 04/12/2011
Sport - Calcio: i biancorossi vincono facile sulla squadra calatina

Vittoria, 3 gol al Caltagirone, ma fra i dirigenti è guerra

Una frase di troppo dei tifosi nei confronti del portiere Di Benedetto scatena il risentimento del padre dell’atleta, entrato in alterco con Barravecchia. In campo, partita senza storia
Foto CorrierediRagusa.it

VITTORIA – CALTAGIRONE 3 – 0

VITTORIA Di Benedetto, Di Rosa, Pisano, Santonocito, Raimondi, Crescibene, Lo Giudice (442’st Garufi) Chiaramonte, Montalto, Di Franco (35’st Mensah) Leone (25’st Patti). All.Raciti

CALTAGIRONE: Parlabene, Buscemi, Buzzotta, Santangelo, Buttiglieri, Fichera, Famà, Lupica (19’st Vona) Calì (31’st Giarratana) Fiore, Longobardi. All. Di Dio

ARBITRO: Boscarino di Siracusa

RETI: Montalto 22’ pt, 43’st Lo Giudice, 40’st Montalto (R)


Doppietta di Montalto, il nuovo arrivato in attacco, e gol del promettente Lo Giudice (nella foto in azione). Con 3 gol il Vittoria liquida la pratica Caltagirone, in verità squadra modesta al cospetto della formazione biancorossa. Il risultato pieno, comunque, non si porta via le scorie del passato, che le due fazioni dirigenziali hanno causato al loro interno. Il dopo partita presenta conti da regolare che trovano sfogo tra l’ex presidente Salvatore Barravecchia ed il dirigente Di Benedetto (padre del portiere juniores Graziano). Tra i due, in campo, è quasi scontro fisico sedato in tempo dalle forze dell’ordine.

Pare che all’origine di tutto ci sia stata la contestazione di alcuni tifosi nei confronti dello stesso giovane portiere. Tutto comunque resta poco chiaro. Il dato di fatto evidente resta sempre il solito: non c’è pace all’interno della società biancorossa, e pensare che tra due giorni è prevista per la consegna ufficiale della quota di maggioranza della società nelle mani del gruppo Mascara. Il padre (Marcello) dell’ex capitano del Catania dovrebbe diventare il nuovo presidente del Vittoria calcio. Ma da qui a martedì chissà cos’altro potrà accadere.

E ora vediamo l’aspetto sportivo, che è quello che più interessa per il bene del calcio vittoriese. Cosimo Montalto e Salvatore Chiaramonte sono gli atleti dell’ultima era biancorossa; il primo chiamato a sostituire la partenza pesante del bomber Tindaro Calabrese (quasi fatta con l’Adrano) il secondo qualora anche Scarnato dovesse fare le valigie.

Due gol per l’attaccante all’esordio sono senz’altro un buon biglietto da visita, mentre per Chiaramonte buoni spunti in mezzo al campo. Dell’Aquila Caltagirone poco e niente, nemmeno un tiro in porta. La partita viene sbloccata al 22’ con un gol di rapina dell’ex capocannoniere del Trecastagni (25 reti l’anno scorso). Un’indecisione grave della difesa calatina permette all’attaccante del Vittoria di trovare il suo primo centro in maglia biancorossa. Prima della ripresa il 2-0 di Lo Giudice. Tiro forte e preciso dentro l’area piccola che centra la porta. Nella ripresa solo noia prima del rigore che lo stesso Montalto si procura e poi trasforma.