Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 958
VITTORIA - 19/08/2011
Sport - Calcio: il dopo amichevole al Comunale di Vittoria contro la blasonata squadra di Montella

Dopo la sconfitta con il Catania, il Vittoria riparte

Tra gli etnei in forma Maxi Lopez, che potrebbe partire per la Fiorentina. Vittoria ancora da completare definitivamente
Foto CorrierediRagusa.it

Quando perdi 8-1 non puoi certo considerarti soddisfatto. Ma se l’avversario che ti trovi davanti è il Catania da serie A e che in avanti dispone di un fuoriclasse come l’argentino Maxi Lopez, il discorso assume ben altre sfaccettature. L’Eccellenza non è la massima serie e lo si nota subito. Forse fin troppo presto, dato che dopo 10’ il passivo era già di 3 gol sotto in favore degli etnei.

INCONTENIBILE MAXI
Davvero un grande giocatore l’argentino Maxi Lopez. Autentico mattatore della serata: 4 gol che hanno infiammato la platea del Comunale tinta per l’occasione di biancorosso. La «gallina bionda», così lo chiamano in Argentina, ha sfoderato tutto il suo bagaglio tecnico, gonfiando la rete difesa dal giovane juniores Di Benedetto (’92) per ben quattro volte. Eleganza, potenza, gioco di spalle, senso del gol e precisione anche negli stacchi aerei; non a caso la sua carriera è partita da Barcellona, per poi spostarsi nella massima serie del campionato italiano. Adesso la Fiorentina del diesse Pantaleo Corvino si è messa sulle sue tracce (i soldi sono soldi ed il Catania non può garantirgli quanto al momento offrono i viola) ed il perché non è difficile da capire. Una garanzia.

CATANIA AL COMPLETO
L’amministratore delegato del Catania Pietro Lo Monaco ha mantenuto la promessa: a Vittoria è arrivata l’intera prima squadra. Vincenzino Montella ha schierato nel primo tempo quella che dovrebbe essere la formazione titolare nel prossimo campionato. Ma non sono mancate le sorprese, come ad esempio l’arretramento dell’argentino Llama in difesa. E poi ancora lo spostamento di Ricchiuti dietro le punte Lopez e Catellani. Insomma, per l’aereoplanino romano tanti esperimenti in vista del prossimo impegno di coppa Italia domenica prossima col Brescia. Tutto questo ha reso felice l’intero pubblico del Comunale di Vittoria (più di 3000 i biglietti venduti) che dopo parecchi anni ha così ritrovato uno spettacolo degno di serie A.

BIANCOROSSI TUTTO CUORE
Chi non darebbe il massimo contro una squadra di serie A? L’occasione, per molti giocatori del Vittoria, era di quelle irripetibili, e dunque tutti hanno cercato di dare meglio di sé. Magari in fase di non possesso non tutto è filato liscio (non si spiegherebbe altrimenti la corsa solitaria di Llama che da solo si è fatto tutto il campo servendo a Gomez l’assist del 4-0) ma la propensione al gioco palla a terra è stata positiva. D’altronde, con un modulo del genere – il 4-2-3-1 adottato da Lucenti – il gioco deve partire dalla difesa, con fraseggi corti e precisi, e pochissimi lanci lunghi a scavalcare la zona di centrocampo. E averci provato contro il Catania è stato coraggioso. In evidenza il centrocampista Scarnato, il laterale Mensah ed il portiere Maltese che nella ripresa è stato autentico protagonista in 3-4 occasioni. Chiaro suggerimento a Lucenti in ottica campionato: meglio partire con un portiere senior.

BENTORNATO PISANO
Lo stile è quello di sempre: Marco Pisano rimane un gladiatore della difesa. Anche al cospetto di avversari come Maxi Lopez e Gomez, il grande combattente biancorosso non si è risparmiato un solo minuto. Tecle, anticipi, cavalcate in avanti. Davvero uno spettacolo per chi lo ricorda ai tempi della vecchia serie C. Per un attimo è sembrato il più giovane e arzillo in campo. La sua esperienza sarà un arma in più anche per gli altri centrali difensivi biancorossi. Capitano senza fascia!

MERCATO: GLI ATTACCANTI IANNELLI E FALCO NEL MIRINO. VANNO VIA UNNIEMI E GAMBINO?
Nella testa dei dirigenti biancorossi continua ancora il nodo attaccante da sciogliere. Il solo Calabrese come punta centrale non può bastare, ecco dunque l’interesse per l’ex catanese Iannelli (Milazzo). Se non arriva lui è già pronto il sostituto Falco. Intanto, è dell’ultima ora la notizia, forse hanno lasciato la squadra Unniemi e Gambino, attaccante e centrocampista. I motivi non sono stati comunicati.