Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 325
VITTORIA - 19/07/2011
Sport - Calcio: la nuova società biancorossa medita un altro grosso colpo

Nel mirino del Vittoria c’è anche un ex: l’argentino Galetti

Unico handicap, l’età dell’attaccante, 39 anni. Nel 2002 in D realizzò a Vittoria 13 reti in 31 partite. Carmelo Incardona smentisce di entrare in società: «Sono vicino al Vittoria ma non dirigente»
Foto CorrierediRagusa.it

Nel progetto societario del nuovo Vittoria c’è anche l’ex attaccante argentino Fernando Galetti (nella foto con la maglia del Brindisi)? Sembrerebbe di sì. Fonti piuttosto concrete confermano tale ipotesi. La trattativa con il bomber argentino è avviata, e non è da escludere un suo clamoroso ritorno a distanza di 8 anni.

Per chi non lo ricordasse, Galetti vestì i colori della maglia biancorossa nella stagione 2002/2003, 31 partite, 13 gol, quando in panchina sedeva l’allenatore Mimmo Giacomarro. In quella stagione fu proprio l’attaccante argentino uno dei protagonisti in assoluto.

Si ricorda ancora il suo gol spettacolare su punizione contro la Vigor Lamezia (spareggio playoff. Nel triangolare c’era pure il Siracusa) permise ai biancorossi di andare in C2 contribuendo in seguito a riscrivere alcune delle pagine di storia più belle della storia calcistica vittoriese. L’unico problema per la società è la carta d’identità di Galetti, oggi trentanovenne e ormai agli sgoccioli di una prestigiosa carriera fra serie D e C2 che lo ha visto andare a segno ben 122 volte.

Intanto il deputato regionale Carmelo Incardona, che qualcuno voleva inserito nell’assetto societario, smentisce questa possibilità. «Non ho tempo, e poi la mia presenza si presterebbe a strumentalizzazioni politiche. Sono vicino al Vittoria, come tutti i vittoriesi, ma fuori dalla società».