Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedμ 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1271
VITTORIA - 17/03/2011
Sport - Tennis femminile: è iniziato il torneo di serie C

Esordio col botto per la Virtus Tennis Vittoria

Battuto il Ct Ragusa al primo turno di campionato. Pluchino: «Siamo la squadra da battere e vogliamo tornare in serie B»
Foto CorrierediRagusa.it

E’ cominciato la scorsa settima il campionato di serie C-tennis femminile. E come sempre non poteva mancare all’appello la Virtus Tennis di Vittoria, che dopo essersi lasciata alle spalle la deludente retrocessione dello scorso anno, riprende il suo cammino vincente in serie C. Per le ragazze di Salvatore Pluchino comincia infatti una nuova avventura - non più tra i cadetti come ci eravamo abituati ormai da diversi anni – in una realtà che appare ugualmente intrigante ma allo stesso tempo difficile da gestire e affrontare. L’esordio arriva in grande stile: 4-0 nel derby contro il CT Ragusa, valevole per il primo incontro del campionato 2011 di serie C.

Questi i risultati finali:
Pajalic batte Guastella per 6 – 4 , 6 - 2;
 Ciraolo batte Occhipinti 6 – 0, 6 – 4;
 Coffa batte Gambini 6 – 2, 6 – 1.

Nell’incontro doppio, 
esordio positivo per la giovane tennista vittoriese Erica Gelsomino (cresciuta nel vivaio della Virtus Vittoria) che in coppia con la Pajalic ha battuto le avversarie Guastella e Gambini in tre set entusiasmanti terminati col punteggio di 3 – 6, 7 – 5, 6 – 4.

«Era importante – dichiara il direttore tecnico della società vittoriese Salvo Pluchino – vincere una gara così importante all’esordio. Sono soddisfatto del risultato finale e per come le ragazze hanno giocato questa partita. Qual è il nostro obiettivo? Quest’anno non ci vogliamo nascondere, la promozione in serie B è lo scopo della Virtus e siamo sicuri che la nostra di oggi è la vera squadra da battere».