Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 1008
VITTORIA - 12/01/2011
Sport - Calcio eccellenza: biancorossi attesi da un trio di gare terribili

Il ciclo di fuoco del Vittoria comincia oggi in trasferta a Messina

In tre gare la formazione di Campanella si gioca la stagione: il 19 gennaio a Licata la finale di coppa contro l’Alcamo
Foto CorrierediRagusa.it

Il Vittoria torna a sorridere. E dopo il 2-0 al Caltagirone pensa adesso alla prossima sfida di campionato contro il Città di Messina. Gara che all’andata ridimensionò notevolmente la squadra di Campanella, incappata poi nel successivo k.o di Avola. Anche per i messinesi non si è trattato di un gran girone d’andata; non si dimenticano, infatti, le ambizioni dei giallorossi di inizio campionato, quando il gruppo dell’ex Saro Foti veniva etichettato blasone d’annata e pronto al salto di categoria. Tutt’oggi si ritrova invece al sesto posto in classifica e con 6 punti di distacco dallo stesso Vittoria.

SAPORE DI RIVINCITA
Eppure la sconfitta dell’andata (sulla panchina ospite sedeva Saro Foti) brucia ancora. Il Vittoria che affronterà i giallorossi domenica prossima in parte è cambiato radicalmente; non ci sono più i centrocampisti Carmelo Privitera, Bruno e l’attaccante Implatini (suo il gol che accorciò le distanze) ma siamo sicuri che la gara, per il Vittoria, avrà lo stesso il sapore della rivincita. Espugnare il «Celeste» significherebbe riprendersi in mano una grossa fetta della stagione in corso.

Anche perché mercoledì 19 gennaio a Licata la squadra di Campanella si giocherà la finale di coppa Italia d’Eccellenza contro l’Alcamo. Ed infine, al rientro in casa, altro match clou casalingo con l’Avola. I biancorossi, insomma, potrebbero giocarsi il tutto per tutto in sole 3 gare.

Nella foto in alto Alonzo, decisive le sue parate nelle ultime gare