Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 515
VITTORIA - 31/10/2010
Sport - Calcio eccellenza: i biancorossi tornano al successo

Calcio: Vittoria, solo 1-0 deludente contro il Trecastagni

Partita povera di emozioni e occasioni da rete. Cordaro segna ancora dal dischetto e regala i tre punti ai biancorossi. Ma il gioco resta da rivedere. Enna e Ragusa - dice Vindigni - partite decisive
Foto CorrierediRagusa.it

VITTORIA - TRECASTAGNI 1 - 0

VITTORIA: Aglianò, Pantè, Vinci, Patti, Alderuccio, Nobile, S. Privitera, Ciscardi (32’st Palazzolo) Romeo (22’st Boemia) Cordaro (36’st Bruno) Caputa. All. Campanella

TRECASTAGNI: Saia, Daidone (32’ Di Mauro) Vicino (15’st Grippaldi) Vezzosi, Gangemi, Cutrufello, Rametta (10’st Montalto) Tomarchio, Martelli, Crisafulli, Garrasi. All. Cacciola

ARBITRO: Boscia di Messina

MARCATORE: 5’della ripresa Cordaro su rigore.

NOTE: espulsi per doppia ammonizione Gangemi e Martelli; allontanato per continue proteste anche il tecnico ospite Cacciola. Ammoniti Ciscardi e Alderuccio (V), Saia, Vicino, Rametta. Angoli 7-5 per il Vittoria


Nonostante sia stata la peggiore prestazione disputata fin qui, il Vittoria riesce a trovare ugualmente i tre punti a discapito del Trecastagni. Un passo indietro sul piano del gioco, apparso questa domenica confusionario, privo di spunti, di fantasia, di velocità. Insomma non è stata una bella partita. Difficile rendere conto di una tale prestazione esattamente nel momento in cui i biancorossi erano chiamati al riscatto. Così come ha sorpreso la prudenza di Campanella nella ripresa, quando in netta superiorità numerica (11 contro 9) ha tolto due attaccanti per un centrocampista e un difensore!

Successo striminzito, dunque, e solita rete di Cordaro, decisivo ancora una volta dagli undici metri. Il resto è tutto da dimenticare, dal gioco a centrocampo per finire in avanti, dove in fase di non possesso i problemi rimangono quelli di sempre. Tant’è che ogni palla tagliata in mezzo dagli avversari mette in crisi il trio di metà campo, con un Ciscardi decisamente lontano dall’essere nel posto giusto al momento giusto e con un Romeo mai pericoloso. Solo l’ombra di quell’attaccante così decisivo delle prime partite. Di buono riesce a procurarsi il rigore che Cordaro trasformerà in ricchezza da 3 punti.

Al Trecastagni la tattica di contenere l’avversario (ma il Vittoria ha fatto in pratica nulla) è durata giusto un tempo. Dopo il rigore subito ed il gol annullato per fuorigioco a Vezzosi, ai catanesi sono saltati i nervi. Il capitano Martelli ed il difensore Gangemi vengono espulsi per doppia ammonizione, mentre resta deprecabile il comportamento dell’allenatore Cacciola espulso dall’arbitro per via di veementi e continue proteste all’interno del rettangolo di gioco.

Finisce così: "E’ vero – ammette il dirigente Gianfranco Vindigni – non è stata una grande partita, ma ciò che ci serviva era la vittoria. Loro hanno puntato tutto sul nervosismo e questo ha compromesso la nostra prestazione, in ogni caso restano decisive le prossime due partite a Enna e in casa contro il Ragusa. La società questa volta è stata chiara".