Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1367
VITTORIA - 05/10/2010
Sport - Calcio Eccellenza: biancorossi di nuovo in campo al «Comunale» per la prima d’andata

Calcio: Vittoria ed Enna giocano per un pass in Coppa Italia

Bruciano le due sconfitte consecutive nonostante il pregevole gioco. Il presidente Vindigni minaccia di prendere provvedimenti drastici e dà frecciate alla politica: «Giocatori tutti sotto esame. La politica? Finora solo passerella»

Impegno casalingo di Coppa Italia per il Vittoria. I biancorossi, reduci dalla seconda sconfitta stagionale rimediata ad Avola, affronteranno l’Enna mercoledì pomeriggio al Comunale. Il Vittoria non vive un buon momento dopo le ultime battute d’arresto con Città di Messina e Real Avola, ed il presidente Vindigni è tornato a farsi sentire in maniera piuttosto decisa.

Aver perso i primi due scontri diretti è compromettente, motivo per il quale non bisogna permettersi di fare altri passi falsi. Qualcosa certamente non va all’interno della squadra; il gioco c’è ma i risultati non arrivano. E in queste condizioni si rischiano di buttare al vento tutti i sacrifici compiuti dalla nuova società in estate.

«Questa situazione – dichiara il presidente Carmelo Vindigni – non può essere tollerata. Non possiamo permetterci altre prestazioni del genere. Sia ad Avola che in casa contro il Città di Messina abbiamo giocato meglio, ma inspiegabilmente sono arrivate due sconfitte. Mi aspettavo molto di più da parte di tutti. Se non si cambia presto direzione comincerò a prendere dei seri provvedimenti verso la squadra. Da ora in poi sono tutti messi alla prova».

Poi una frecciata alla politica locale: «Tutto è ancora fermo – aggiunge Vindigni – mi erano state fatte diverse promesse ma finora ho visto soltanto passerelle politiche allo stadio. Vedo poca chiarezza in tal senso».