Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1609
VITTORIA - 10/09/2010
Sport - Calcio Eccellenza: biancorossi ai nastri di partenza in casa

Calcio: Vittoria pronto al via, ospita il Giarre dell’ex Ciccio Leone

Il morale della squadra di Campanella è alto, specialmente dopo avere superato il primo turno di Coppa Italia
Foto CorrierediRagusa.it

Ricomincia l’avventura del Vittoria. Domenica i biancorossi esordiranno in casa contro il Giarre. Ci arrivano dopo un risultato positivo, ovvero il superamento del turno di Coppa Italia contro il Caltagirone (2-2 in casa e 0-1 fuori).

Ora è il momento di pensare solo al Giarre dell’ex Ciccio Leone, primo avversario del campionato. «La squadra più rognosa che ci potesse capitare"- ha detto il diesse Massimo Fichera. Il Giarre di Gaetano Mirto è in effetti uno degli avversari più difficili del girone. L’ex allenatore del
Castiglione dei miracoli (capace di portarlo in serie D appena due anni fa) gioca un calcio prudente e allo stesso tempo imprevedibile.

Ecco perché il diesse ragusano predica cautela: «Ho avuto modo di osservare alcune partite del Giarre e conosco bene il tipo di gioco dei catanesi. Di solito si schierano in campo con un 4-1-4-1, con ben nove uomini dietro la linea del pallone. E poi Mirto non è uno sprovveduto, ma un allenatore che insieme alla sua nuova squadra dirà certamente la sua in questo torneo».

Il Vittoria dovrebbe scendere in campo con il suo solito 4-3-3, stesso modulo che ha permesso ai biancorossi di avere la meglio sul Caltagirone: «Volevamo vincere quella partita – continua Fichera – e siamo riusciti ad ottenere il nostro obiettivo. Il risultato è stato per noi importantissimo, ne avevamo proprio bisogno dopo le precedenti uscite in amichevole».

A tutto ciò bisogna aggiungere l’arrivo dei nuovi arrivati: Michele Settecase e Salvatore Romeo. In particolare quest’ultimo, il cui gol a Caltagirone è valso il passaggio di turno in coppa Italia. «E’ il tipo di attaccante che cercavamo – assicura il direttore sportivo – il classico ariete d’area,
capace di creare spazi e di far salire la squadra. Ovviamente anche Settecase è un giocatore che può dare tantissimo in mezzo al campo. Se prima ci mancava un po’ di qualità in quella zona, adesso è stata colmata con il suo arrivo».

(Nella foto, la curva Ottone spera di riempirsi come una volta)