Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 985
VITTORIA - 22/08/2010
Sport - Calcio estivo: triangolare amichevoli per rodare le squadre

Calcio: Comiso vince il «Turi Ottone» contro Vittoria e Gela

I verdearancio sono apparsi più tonici dei biancorossi. La società vittoriese richiama gli atleti a maggiore disciplina. Il Comiso spera ancora nel ripescaggio

Sapore amaro per la prima uscita ufficiale della stagione biancorossa. Il Vittoria perde nel triangolare contro Comiso e Atletico Gela il primo memorial «Turi Otttone»; manifestazione sportiva in memoria del giovane ultras biancorosso che perse tragicamente la vita nella strage di San Basilio il 2 gennaio del 1999 a Vittoria.

I verdarancio di Borgese hanno fatto loro il trofeo battendo sia i padroni di casa del Vittoria che gli ospiti dell’Atletico Gela. Il Vittoria, invece, favorito alla vigilia ha toppato l’evento dimostrando di non essere ancora in piena forma. Manovra poco fluida in mezzo al campo e scarsa incisività in attacco; nella finale contro il Comiso i biancorossi allenati da Campanella non sono riusciti a fare di più. Ci ha pensato il vittoriese Fabio D’Agosta con un gran gol a smarcare il portiere a permettere al Comiso di portarsi a casa il trofeo. Il Vittoria non l’ha presa tanto a cuore, manifestando durante il resto della partita segnali di eccessivo nervosismo.

Il diesse Massimo Fichera, a fine partita, ha dichiarato che già da questo martedì la squadra sarà chiamata ad un confronto diretto con la società. «Anche se si tratta di un’amichevole tale approccio alla gara così lento e nervoso non può essere tollerato. Il Vittoria deve fare molto di più».

Ma l’allenatore Campanella è di altro avviso: «Questi risultati vanno presi con le pinze, perché usciamo appena da qualche giorno dalla preparazione atletica e perché chi vive di calcio è abituato a certe situazioni. Ammetto che contro il Comiso non abbiamo giocato bene, tenendo troppo la palla in fase di possesso e senza mai giocarla di prima. Abbiamo ancora tempo per migliorarci».

Felice a fine gara il presidente del Comiso Salvatore Di Stefano: «Devo ringraziare la società del Vittoria per averci invitati a questa bellissima manifestazione sportiva. Cercherò di ricambiare l’ospitalità nel corso della stagione. A parte oggi auguro al Vittoria di disputare un ottimo campionato e di approdare in altra categoria superiore».

Ma lo stesso Di Stefano tiene poi a precisare in merito alla condizione del Comiso calcio: «Stiamo continuando la nostra battaglia contro la Lega che finora non ci ha ripescati. Abbiamo tutte le carte in regola per il passaggio in Eccellenza e non capisco perché non ci è stato dato diritto di ripescaggio. A Comiso l’ambiente è caldo, tant’è che anche il sindaco Giuseppe Alfano si sta interessando personalmente. Siamo profondamente delusi per come gli ordini federali si sono comportati nei nostri confronti. Continueremo a fare ricorso finché le carte ci daranno ragione. Il Comiso merita l’Eccellenza per la sua serietà».