Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 23 Luglio 2017 - Aggiornato alle 0:30 - Lettori online 773
SANTA CROCE CAMERINA - 11/01/2017
Sport - Calcio, Promozione: il pari esterno con Atletico Catania dà fiducia a tutto l’ambiente

Il S. Croce si prepara alla sfida casalinga con il Paternò

Il dg Claudio Agnello: "Con la vicecapolista giocheremo a viso aperto" Foto Corrierediragusa.it

Non era facile superare lo scoglio Atletico Catania, formazione di vertice e votata all’agonismo, che era pronosticata alla vigilia vincente non fosse altro per il fattore campo. Il pareggio, e quindi un punto guadagnato in classifica, consente al Santa Croce di uscire indenne dall’ostico campo della Zia Lisa di Catania dove l’ambiente viene artatamente surriscaldato per condizionare la terna arbitrale, cosa che puntualmente si è verificata. La formazione biancoazzurra però ha alzato stavolta le barricate per arginare la possente fase offensiva dei rossoblù locali anche se ha avuto due grandi occasioni da gol che potevano addirittura mettere sulla buona strada l’esito della gara a suo favore. Così non è stato ma l’ennesimo pareggio esterno contro una grande del torneo, dopo quelli contro la capolista Città di Ragusa, il Marina di Ragusa e il rigenerato Città di Mascalucia, fanno vedere in positivo.

Il direttore generale Claudio Agnello (foto) è comunque soddisfatto della prestazione della squadra: «Per noi è stata una gara molto spigolosa – ammette Agnello - sia sotto l´aspetto tecnico che sotto l´aspetto ambientale. Abbiamo affrontato una formazione candidata al salto di categoria e ci siamo ben destreggiati. La nostra squadra però, dopo la sosta natalizia, - osserva il dg biancoazzurro - è tornata tonica e quadrata come ci aspettavamo, con l´unico neo che ha riguardato l´aspetto realizzativo dove la squadra ha bisogno ancora di oliare alcuni meccanismi per essere più cinica sotto porta. La gara di Catania ne è stata un esempio in tal senso in quanto se avessimo affondato il colpo nel momento giusto adesso forse potremmo parlare di bottino pieno. Siamo comunque stati bravi a mantenere il pareggio dopo l´inferiorità numerica – rileva il dg Agnello -, cosa che ben poche squadre sarebbero riuscite a fare contro un avversario della portata dell´Atletico Catania. Complimenti quindi al mister e al gruppo per la buona prestazione. Adesso la concentrazione sarà rivolta al prossimo incontro che sarà contro un´altra big del campionato, quel Real Città di Paternò contro il quale giocheremo ancora a viso aperto".