Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1192
SANTA CROCE CAMERINA - 24/09/2016
Sport - Calcio, Promozione: ospiti ben neutralizzati dalla retroguardia di casa, Annese para un rigore

S. Croce in gran giornata, tripletta secca al Trecastagni

Scudera ha aperto le marcature nel primo tempo con un gran tiro che ha fulminato l’estremo ospite Foto Corrierediragusa.it

SANTA CROCE – SPORTING TRECASTAGNI 3 – 0
Marcatori: 16’ Scudera, 24’st Baeli, 32’st Castania

S. Croce: Annese, Guarino, Baeli (38’st Gulino), Giarrizzo (1’st Spadola), Alma, Pianese, Iozzia, Hydara, Ravalli, Scudera, Castania (43’st Silva). All.re Lucenti

Ssporting Trecastagni : Pappalardo, Mirabella, Gennaro, Boccaccio (7’st Alì), Papotto ( 25’st Idrissu), Morabito, Mazzaglia, Mannino (28’st Di Mauro), Inserra, Luca, Sinito. All.re Torrisi

Arbitro: Fazio di Agrigento.
Note. Ammoniti Annese e Iozzia (SC); Papotto, e Gennaro (ST). Angoli 9-4 per il Santa Croce.


Adesso i fatti dicono che il Santa Croce è una grande del torneo. Il secco 3-0 inflitto infatti nel pomeriggio allo Sporting Trecastagni, una delle migliori formazioni del girone, promuovono a pieni voti la squadra biancoazzurra che ha giocato una partita impeccabile, mettendo in campo un gioco in certi momenti anche travolgente e uscendo alla grande nella impostazione tattica e nelle individualità. Un Santa Croce che, ha mostrato di essere una squadra completa, piena di forza tattica e agonistica e di una maturità impressionante già alla terza giornata di campionato. Il tutto considerando che l’organico è stato rinnovato per i suoi nove undicesimi. La gara con la formazione gialloblù catanese potrebbe essere stato quindi l’esame di laurea della squadra di Lucenti che, come tecnico, è giusto osservare, nel Santa Croce ha sempre fatto bene e, per quanto visto oggi, ha innalzato di molto le sue qualità come tecnico e come stratega e quelle della sua squadra.

Lo Sporting Trecastagni ha mostrato poco in avanti se non la prima e unica fiammata al 5’ quando Inserra si procurava un calcio di rigore per un fallo di Annese che non riusciva a fermare la punta catanese che stava scartando l’estremo difensore locale. La massima punizione veniva tirata da Morabito ma Annese si riscattava parando il tiro del libero gialloblù (foto) e impedendo il vantaggio agli ospiti. Da qual momento il Santa Croce collezionava un bel gioco sulle fasce e al 16’, da un passaggio filtrante in area di Iozzia, la sfera giungeva a Scudera che si aggiustava la palla e sferrava un gran tiro che collocava la sfera nella rete dell’incolpevole Pappalardo. Gli ospiti cercavano di interdire le azioni dei locali a centrocampo per cercare poi di ripartire di rimessa ma i centrali del Santa Croce, Alma e Pianese, bloccavano gli avanti avversari. Il taccuino segnava solo azioni pericolose del Santa Croce: al 21’ con Hydara che di testa mancava di poco; al 25’con Scudera ancora di testa fuori per un soffio; al 28’ con Ravalli che mancava la porta dopo aver spizzicato la sfera. Al 33’era però Castania a sciupare il raddoppio calciando con un pallonetto la sfera che si stampava sotto la traversa. E gli ospiti? Solo un gran tiro da fuori area di Gennaro che Annese parava in angolo. Al 42’ Pappalardo deviava sulla traversa un colpo di testa di Scudera su azione da calcio d’angolo del Santa Croce.

Nella ripresa all’11’ Annese respingeva di pugni una punizione di Luca e deviava in angolo la conseguente palla ripresa da Sinito. Ma il Santa Croce riprendeva le redini del gioco e al 24’ Castania, lanciato sulla fascia, si incuneava in area, scartava due difensori e passava sotto porta per Baeli che in tutta libertà insaccava. Al 32’ travolgente azione di contropiede alimentata da Hydara, perfezionata da Scudera che lanciava sulla fascia Spadola, bravo a incrociare sulla sinistra per l’accorrente Castania che insaccava con un gran tiro. Partita chiusa e Santa Croce alle stelle.