Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1222
SANTA CROCE CAMERINA - 15/11/2015
Sport - Calcio, Promozione:: il capocannoniere del girone mette in crisi la difesa di casa

Leone fa il re e mette sotto il S. Croce. Calvario Comiso a Gela

Per la squadra di La Vaccara è ormai crisi piena. Pozzallo travolto a Belpassoo Foto Corrierediragusa.it

SANTA CROCE – MARINA DI RAGUSA 1 – 3
Marcatori: 1’Rimmaudo, 16’(rig) e 44’(rig) Leone, 39’st Militello.


SANTA CROCE : La Malfa, Baeli, Incardona, Buscema, Basile (28’st Puma), Cassibba, Scribano (14’st Iurato), Gurrieri, La Vaccara, Arena, Rimmaudo. All.re La Vaccara.

MARINA DI RAGUSA: Barbera, Grimaldi, Cilia, Militello (50’st Tumino), Strada, Criscione, La Rosa (23’st Occhipinti M.), Benvenuto, Occhipinti D., Leone (29’st Verdicchio), Scalone. All.re Gurrieri.
Arbitro: Franzò di Siracusa.

Note: espulsi Incardona e Cassibba (SC) e Occhipinti D (MdR).Ammoniti: Basile, Scribano, La Vaccara (SC); Grimaldi, Leone, Strada (MdR). Angoli 4-2 per il S.Croce.


Crolla ancora una volta in casa il Santa Croce (foto), che oltre a perdere di netto la partita, perde anche la stima dei suoi tifosi per il comportamento insufficiente e pressapochista messo in atto nei novanta minuti. Una squadra quella biancoazzurra che sembra aver perso la bussola del gioco, la grinta agonistica e la voglia di imporsi. Il problema potrà anche essere nelle due-tre assenze che hanno decimato la difesa, autentico colabrodo alle incursioni ospiti e il centrocampo. Ma far risalire tutta la colpa alla difesa è molto riduttivo perché questo reparto ha subito le carenze del centrocampo e ha pagato con due espulsioni, i difensori Incardona e Cassibba, le incapacità dei reparti avanzati. Per contro il Marina di Ragusa si è dimostrata più squadra, dove il solito Leone, da solo, ha fatto reparto, ha trascinato la squadra, ha dato gli input ai gol, sfruttando le grosse falle dell’undici biancoazzurro.

Eppure non passavano che 27’’ è il Santa Croce era in vantaggio. Lancio di La Vaccara per Rimmaudo che scartava il portiere e insaccava. Al 4’ i locali potevano portarsi sul 2-0 ma La Vaccara, solo davanti alla porta, sparava alto. Il Santa Croce con questo avvio di fiamma credeva di aver messo già in tasca la gara ma usciva fuori il Marina di Ragusa che, con Leone, costruiva il 2-1. Al 16’ infatti Basile ostacolava Scalone in area impedendo allo stesso di coordinarsi bene per il tiro. Per il direttore di gara era rigore, concesso forse con troppa magnanimità. Leone realizzava. Al 24’ e al 27’ il Marina sciupava il 2-1 con Leone che in ambedue i casi veniva fermato da La Malfa che sventava le minacce. Al 37’ Rimmaudo veniva anticipato da un difensore ospite mentre stava per deviare in rete un cross dalla sinistra di Arena. Al 41’ La Vaccara sotto porta eseguiva una semirovesciata che si perdeva di poco alta. Al 44’ ancora un atterramento in area di Scalone ad opera di un difensore del Santa Croce e rigore. Ancora Leone trasformava. Nella ripresa il Santa Croce aveva due azioni da rete al 3’ e all’8 ma non le concretizzava. Gli ospiti si chiudevano in difesa e, sebbene in dieci per l’espulsione di Occhipinti D., chiudevano i varchi ai locali. Anzi al 38’ altro rigore per fallo da ultimo uomo a favore del Marina con espulsione di Incardona. Militello portava il risultato sul 3-1. Finale incandescente sia in campo che sugli spalti con un’altra espulsione nel Santa Croce comminata a Cassibba e una rissa sulle tribune, prontamente sedata. Il Santa Croce è in profonda crisi. Il buio sembra avvolgere la squadra, i giocatori, i responsabili tecnici e la società. Marina di Ragusa che invece si rilancia in campionato.

ATLETICO GELA – COMISO 5 – 2
Marcatori: 3’Fazio, 30’(rig) e 35’Ascia, 45’ e 5’st Zarba, 20’ st Guaye, 25’st Ascia.

COMISO: Tasca (45’st Sinatra), Ferraro, Giallongo, Scuderi (20st Giudice), Sortino, Oudojubo, Faye, Guaye, Fazio (20’st Gurrieri E.), Tumino, Gurrieri A. All.re Nicolosi


Continua il calvario del Comiso che paga la mancanza di sincronismi di gioco nei reparti e qualche pecca in avanti, facendosi surclassare dall’Atletico Gela. Era stata la formazione verdearancio però a passare in vantaggio al 3’ con Fazio e a sciupare altre due occasioni da rete con i suoi avanti. Nel calcio gli errori vengono pagati e l’Atletico prima pareggiava con un rigore di Ascia e poi a passare in vantaggio con lo stesso centravanti per poi subire il 3-1 entro la fine del primo tempo. Nella ripresa già al 5’ il Comiso subiva il 4-1. Poi Guaye segnava il 4-2 e sciupava il 4-3. Ascia ancora realizzava per il definitivo 5-2.

BELPASSO – NEW POZZALLO 4- 1
Marcatori: 37’ Terranova, 40’ Randis, 10’st Barberi, 30’st Pitino, 35’st Randis.

NEW POZZALLO: Sessa, Angelica (20’st Iaci), Rosa, Pitino, Melilli (10’st Nani), Presti, Assenza Parisi, Scala, Rosa, Azzarelli, Distefano. All.re Azzarelli.


Ancora una sconfitta pesante per la New Pozzallo, ancora una volta maturata soprattutto per errori dovuti a inesperienza anche se il Belpasso si è dimostrata squadra ben organizzata e di livello tecnico superiore. I biancoazzurri per la verità avevano avuto l’opportunità di segnare con Peppe Rosa ma il direttore di gara annullava la rete per un fuorigioco praticamente inesistente. I padroni di casa invece passavano in vantaggio al 37’ con Terranova che di testa insaccava da calcio d’angolo, cogliendo di sorpresa la difesa ospite. Non passavano tre minuti che, sull’onda dell’entusiasmo per il vantaggio, il Belpasso raddoppiava con Randis. Nella ripresa i ragazzi di Azzarelli non riuscivano a risalire la china e subivano anzi il 3-0 al 10’. Al 30’ Pitino riusciva ad accorciare le distanze ma cinque minuti dopo ancora Randis insaccava portando il risultato sul 4-1. Con questo risultato la New Pozzallo rimane ultima in classifica anche se le dirette concorrenti alla salvezza non sono favorite in questo turno. La società pozzallese spera subito nell’apertura del calciomercato per rinforzare la squadra e permettere almeno la salvezza.