Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 570
SANTA CROCE CAMERINA - 16/09/2015
Sport - Calcio, Promozione: si è giocato con un gran caldo al "Kennedy", il gambiano Jatta mattatore

Il S. Croce brinda alla prima vittoria, il Comiso non sfigura

Gli ospiti quando saranno in buona condizione atletica, potranno ben figurare in campionato Foto Corrierediragusa.it

S. Croce-Comiso: 2 -0
Marcatore: 18’st e 29’st Jatta

SANTA CROCE: Annese, Jatta, Basile, Buscema D. (33’st Iurato), Cassibba, Buscema A., Campo (24’st Occhipinti), Scribano, Puma (12’st Rimmaudo), Arena, Incardona. All La Vaccara

COMISO: Polessi, Costa, Giallongo (18’st Oudo Djobo), Turco (26’st Cammarata), Chiovaro (4’st Anzaldi), Saccò, Occhipinti, Cusumano, Lentini, Tumino, Monteleone Bozzitta. All Borgese

Arbitro: Attardi di Ragusa. Collaboratori Giambarresi e Massari di Ragusa.
Note. Ammoniti: Monteleone Bozzitta, Costa, Polessi e Saccò, tutti del Comiso. Angoli: 7-3 per i locali. Rec 3’ e 4’.


E’ stato più duro del previsto per il Santa Croce (nella foto: la formazione scesa in campo) superare il Comiso, assemblato appena da pochi giorni e che per questo alla vigilia dato per soccombente con tanti gol al passivo. Non è stato così ed anzi ci sono volute due prodezze del giovane di colore Mohammed Jatta per avere la meglio di un coriaceo Comiso che neanche la scarsa preparazione fisica stava mettendo in difficoltà. Un Santa Croce molto tecnico, con buone idee di gioco ma ancora con schemi farraginosi e lenti che il caldo torrido ha reso ancora più inefficaci, per tutto il primo tempo ha cozzato contro una difesa verdearancio arcigna e ben strutturata dove gli esperti Chiovaro, Saccò e Costa hanno retto fino a quando hanno potuto. La chiave di lettura di questo esordio vittorioso della squadra di La Vaccara è stato, come detto, Jatta il quale, schierato prima in difesa, ha brillato nel primo tempo per qualità di interventi e gioco di prima e, nella ripresa, ha fatto la differenza.

Nella prima frazione il Santa Croce non ha concretizzato la sua superiorità tecnica per una scarsa volontà generale della squadra, per le imperfezioni sotto porta di un inconcludente Puma e di un quasi lezioso Arena che, per fortuna, si è sciolto nella ripresa facendo vedere ottime giocate. Nella seconda frazione il tecnico dei biancoazzurri La Vaccara smuoveva un po’ le carte. Spostava a centrocampo sulla fascia destra Jatta, lasciava la difesa e tre e allargava sulla sinistra Arena. La mossa tattica sortiva l’effetto sperato perché il Santa Croce costruiva un miglior gioco, si rendeva più concreto nelle azioni in avanti e confezionava più occasioni da rete. La pressione portava al 18’ al vantaggio dei locali che, da calcio d’angolo, realizzavano con un preciso intervento di testa di Jatta. Al 28’ uno svarione difensivo dei locali stava portando al pareggio del Comiso ma nell’azione di rimessa la palla veniva gestita da Jatta che lanciava sulla fascia sinistra ad Arena, bravo a crossare sulla destra allo stesso Jatta che faceva partire un bolide di collo pieno che si insaccava nella porta difesa da Polessi. Al 38’ Arena scartava il portiere, che era uscito quasi ad inizio area, ma un difensore gli intercettava il tiro diretto in porta. L’ultima occasione era per Tumino che entrava in area ma da buona posizione sparava alto.

Il Comiso comunque ha dimostrato che, se affina la preparazione atletica, potrà sperare in un campionato dove potrebbe ben figurare in quanto i tre elementi di categoria superiore e quelli provenienti da altre compagini di Promozione sono in grado di dare un volto ampiamente competitivo a questa squadra. Il Santa Croce per adesso si gode Jatta che in questa gara ha fatto vedere cose egregie, almeno da giocatore di Lega Pro, confermando quanto di buono si diceva di lui alla vigilia. Un giocatore di altri livelli. Corre, si sa smarcare, effettua quasi sempre un gioco di prima, calibra lanci e passaggi alla perfezione, gioca benissimo in diversi reparti e, quello che più conta, segna con una certa naturalezza ma con tanta bravura. Sarà la stella di questo Santa Croce edizione 2015/16.

I risultati della prima giornata di andata (13 sett.2015):
Canicattì-Nissa: 0-1
Licata-Ragusa:0-0
Macchitella-Casteltermini:3-0 (a tavolino)
Marina Ragusa-Palma:2-1
New Team-Aragona:2-3
Ravanusa-A. Gela: 1-1
S. Croce-Comiso: 2-0
Riposa: Atl. Caltanissetta

La Classifica:
Marina Ragusa 3
Macchitella Gela 3
S. Croce 3
Aragona 3
Nissa 3
Ragusa 1
Licata 1
Ravanusa 1
Casteltermini 0
A. Gela 0
New Team 0
Palma 0
Canicattì 0
Comiso 0
Atl. Caltanissetta 0*
*una partita in meno
A. Gela 1 punto penalizzazione