Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 814
SANTA CROCE CAMERINA - 11/03/2015
Sport - Calcio, Promozione: passa lo Sporting Taormina che recupera lo svantaggio ad 1’ dalla fine

Un gol in extremis elimina il S. Croce dalla Coppa

Due gol di Bonarrigo, uno su rigore, non sono bastati ai biancazzurri che hanno peccato di ingenuità Foto Corrierediragusa.it

S. Croce-Sporting Taormina: 2 - 2 (andata 0-0)
Marcatori: 21’pt e 15’st (rig) Bonarrigo, 5’st Amante, 44’st Emanuele

SANTA CROCE: Annese 5,5, Piluso 6, Basile 5 (46’st Puma sv), Scribano 6, Di Martino 6,5, Cassibba 6 (47’st Buoncompagni sv), Iurato 6 (39’st Sammito sv), Ruscica 6,5, La Vaccara 6, Bonarrigo 7, Incardona 7. All.ri Buoncompagni e La Vaccara

SPORTING TAORMINA: Gulisano 6, Pino 6,5, Urso 4, Puglia 5 (29’st Stracuzzi 6), Campanella 6, Trovato 6,5, Emanuele 7, Miceli 5,5, Rasà 5,5, Amante 7, Rapisarda 6,5. All.re Coppola

Arbitro: Matarazzo di Siracusa 6.
NOTE. Espulsi Urso al 30’ per proteste e l’allenatore Coppola al 38’st. Ammoniti: Annese, Piluso e La Vaccara (SC); Rasà, Puglia e Micieli (ST). Angoli: 6-3 per gli ospiti. Rec 3’ e 5’.


Lo Sporting Taormina con un gol di rapina a un minuto dello scadere beffa il Santa Croce e si qualifica alla semifinale della Coppa Italia di Promozione. Alla superiorità nel gioco e nella migliore impostazione tattica dei locali, i taorminesi hanno sopperito con la determinazione agonistica e la tenuta fisica che ha consentito alla formazione di Coppola di annullare anche il gap della inferiorità numerica che si era determinata al 30’ del primo tempo con l’espulsione di Urso per proteste. Il Santa Croce era riuscito a far emergere la sua buona condizione tecnica e di gioco ancora prima dell’espulsione di Urso e a riprendere la gara anche dopo il primo pareggio dello Sporting, andando in vantaggio, ma la «paura» di vincere ha tagliato le gambe ai biancazzurri locali che da una imperdonabile distrazione difensiva hanno capitolato quando ormai mancavano pochi minuti alla fine della gara.

Primo tempo con il Santa Croce che alla lunga riusciva a esaltarsi nella qualità del gioco e nella concretezza delle azioni e con lo Sporting Taormina che forzava nella determinazione agonistica e nelle ripartenze veloci. Al 6’ punizione di Bonarrigo sulla barriera. Al 17’ Annese interveniva su Rasà liberando. Un minuto dopo era ancora Rasà che scartava il portiere ma si defilava troppo sulla destra e il suo tiro, con la porta indifesa, veniva intercettato da un difensore locale. Il Santa Croce al 21’ confezionava il vantaggio grazie ad un’ottima giocata di Incardona che serviva sotto rete Bonarrigo che, a porta vuota, insaccava. Lo Sporting cercava di riprendere la gara e pressava ma i locali sfruttavano le ripartenze. Al 37’ Amante tirava da fuori area e Annese respingeva. Al 41’ Miceli lanciava Rasà che, defilato e pressato da un difensore locale, tirava sulla traversa interna. La ripresa si apriva con due calci d’angolo sul secondo dei quali, al 5’, Amante interveniva di testa e segnava.

Il Santa Croce reagiva e giungeva al pari con un rigore per atterramento in area di Incardona che era stato ben servito in area da Bonarrigo. Lo stesso Bonarrigo trasformava il penalty (nella foto). I locali legittimavano il vantaggio con azioni efficaci che però erano poco incisive sotto porta o venivano fermate sulla tre quarti dai centrali biancocelesti. Nel rush finale lo Sporting Taormina cercava di cogliere il pari ma senza esito. Poi il lampo finale. Al 44’ da un tiro cross in area la palla giungeva a Emanuele che, quasi di spalle alla porta, colpiva di testa e insaccava, complice Annese fuori posizione.