Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 531
SANTA CROCE CAMERINA - 27/02/2015
Sport - Calcio, Promozione: al "Kennedy" lo scontro al vertice del girone con i biancazzuri in gran forma

S. Croce alla prova della capolista, Comiso contro Gela

Per i verdearancio proibito perdere o addio alle residue speranze di salvezza Foto Corrierediragusa.it

Affronteranno rispettivamente la prima e la quarta in classifica il Santa Croce e il Comiso in questa decima giornata di ritorno che vede le due formazioni iblee impegnate in due confronti forse decisivi per la stagione.

Il Comiso in casa contro il Gela dovrà sfruttare il fattore campo e tesorizzare l’esperienza di quindici giorni fa quando fermò fra le mura amiche la capolista Sicula Leonzio con un pari che addirittura risultò stargli stretto per le occasioni perse nel finale di gara che avrebbero potuto anche regalargli la vittoria. La formazione allenata da Lucenti, che in questi mesi ha modellato la squadra verso una fisionomia agonistica migliore, avrà dalla sua, oltre il fattore positivo di giocare in casa, anche la voglia di vincere, la tranquillità di non aver niente da perdere contro una squadra di indubbia qualità e la migliorata organizzazione di gioco, frutto di un efficace lavoro svolto in questi due mesi dal tecnico Lucenti sia dal punto di vista atletico che tecnico. Nelle file dei verdearancio mancherà solo Linguanti per infortunio per cui Lucenti potrà disporre di quasi tutti gli uomini in rosa e avere la tranquillità di affrontare una squadra tosta con gli effettivi dei vari reparti in campo dal primo minuto.

Grande attesa a Santa Croce per l’arrivo della capolista Sicula Leonzio in un momento, per la compagine biancoazzurra, di grande qualità nel gioco e nelle prestazioni. Terza in classifica, reduce da quattro vittorie consecutive in campionato e da un prezioso pareggio nell’andata fuori casa dei quarti di finale di Coppa Italia proprio mercoledì scorso, il Santa Croce sta attraversando un momento magico, frutto di un perfezionamento su alti livelli del proprio rendimento di squadra e della maturità raggiunta. Il fattore campo a favore e la condizione tecnica di tutto l’organico, sono degli stimoli importanti per ben figurare anche domenica contro la capolista che all’andata venne affrontata alla pari e solo alcune sbavature dell’undici biancazzurro permisero alla formazione lentinese di superare quella allenata da Buoncompagni e La Vaccara. Domenica mancherà nel Santa Croce solo Scribano, assente per motivi personali, mentre gli acciaccati e infortunati hanno recuperato tutti.

A preoccupare l’undici biancoazzurro, ma anche gli stessi avversari, è però il fondo del campo in condizioni precarie dopo le insistenti piogge di questi ultimi giorni che potrebbero, appunto, diminuire le capacità di tutti i ventidue in campo, giocatori nell’insieme molto tecnici e che danno il meglio su un terreno di gioco regolare e veloce. Si attende comunque il pienone sugli spalti dello stadio «Kennedy» della cittadina camarinense.