Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 449
SANTA CROCE CAMERINA - 15/02/2015
Sport - Calcio, Promozione: pur senza Bonarrigo la squadra di Buoncompagni regola i combattivi gelesi

Il S. Croce non si ferma, battuto il Macchitella Gela

E’ la terza vittoria consecutiva, il successo maturato nella ripresa con i gol di La Vaccara e Buscema Foto Corrierediragusa.it

S. Croce-Macchitella Gela 3 – 1
Marcatori: 21’ Incardona, 33’ Scudera (rig), 22’st La Vaccara, 38’st Buscema (rig)

S. Croce: Annese, Ragusa (18’st Iurato), Basile, Scribano, Di Martino (39’Nei), Cassibba, Piluso, Buscema, La Vaccara (40’st Puma), Ruscica, Incardona. All Buoncompagni e La Vaccara

Macchitella Gela: Incerdona, Tuvè, Rivecchio, Iudice, Maniglia (40’st Zuppardo), Spitale (18’st Faraci II), Faraci I, Gianrizzo, Casabona, Scudera, Sammartino (31’st Greco). All Fasciana

Arbitro: Iapichino di Siracusa.
Note. Ammoniti: Scribano e Buscema (SC); Iudice (MG). Angoli 7-2 per i locali


Terza vittoria consecutiva del Santa Croce (nella foto: azione a centrocampo) che nell’anticipo supera per 3-1 una combattiva e ben organizzata Macchitella Gela che merita un migliore posto in classifica. La formazione di Buoncompagni e La Vaccara doveva fare a meno in questa gara di Bonarrigo, un elemento risultato importante in questa squadra fino adesso e vera anima di una squadra che dalle sue invenzioni ha saputo trarre i giusti profitti. Anche senza il fantasista ex Ragusa, il Santa Croce però ha dato vita a una buona prestazione, dimostrando, ancora una volta, una maturità encomiabile e un forte spirito di squadra. I due tecnici, al posto di Bonarrigo, hanno inserito in cabina di regia Ruscica che ha ben interpretato il ruolo di trequartista e ispiratore della manovra, poggiandosi anche sull’apporto di Buscema, leggermente spostato in avanti a raccorciare con lo stesso Ruscica così da perfezionare la fase di costruzione del gioco. I due hanno dimostrato buona intesa, anche se hanno dovuto impiegare quasi metà della prima frazione per far fruttare questa loro capacità. E’ stato infatti da una giocata di Ruscica sulla fascia destra, al 21’, che lo stesso crossava in area dove, dopo un debole rinvio della difesa ospite, la palla giungeva a Incardona che, a porta vuota, insaccava. Il Macchitella, che aveva iniziato bene la gara e che era andata sotto praticamente alla prima incursione dei locali, cercava di organizzarsi ma era ancora il Santa Croce a costruire una azione da gol al 29’ con Buscema che con un gran tiro da fuori area impegnava in angolo il portiere ospite Incardona.

Dalla battuta del corner Di Martino sciupava una facile occasione. Gli ospiti non concretizzavano e allora al 33’ ci pensava Di Martino a costruire la «frittata» prima con un errato disimpegno e poi atterrando Scudera in area mentre si stava avventando sulla palla sfuggita al difensore. Lo stesso Scudera trasformava il rigore. Al 43’ il direttore di gara non concedeva invece un rigore ai locali per atterramento in area di Ruscica. Nella ripresa il Santa Croce scendeva in campo deciso e più preciso nelle varie fasi di difesa e di costruzione del gioco.

All’11 Piluso fluidificava sulla fascia destra, crossava in area dove Incardona incornava di testa ma la sfera si perdeva di poco alta. I biancoazzurri continuavano a mantenere il pallino del gioco e una migliore concretezza nelle azioni in avanti. Al 22’ i locali si guadagnavano una punizione a 4-5 metri dal limite dell’area. Batteva Buscema che serviva in area, defilato sulla sinistra, La Vaccara che di testa azzeccava la traiettoria a smarcare il portiere e a infilare la sfera sul set alto della porta. Ospiti quasi al tappeto che avevano comunque la forza al 28’ di costruire una azione sotto porta con Casabona che indovinava la zuccata di testa ma era bravo Annese a inviare in angolo. Al 38’ Tuvè toccava sotto porta la palla con il braccio. Il successivo rigore veniva trasformato da Buscema che suggellava con la rete l’ennesima ottima prestazione. Il Santa Croce mantiene il terzo posto in classifica e guarda così in positivo al prosieguo del campionato.