Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 626
SANTA CROCE CAMERINA - 16/11/2014
Sport - Calcio, Promozione: contro Atl. Catania i verderancio danno un calcio alla crisi societaria

Vittorie salutari per Comiso e S. Croce, la classifica respira

Un rigore di Bonarrigo ha regalato i tre punti agli uomini del duo Boncompagni-La Vaccara Foto Corrierediragusa.it

S.CROCE – CITTA’ DI CATANIA 2 – 1
Marcatori: 41’ pt Incardona, 24’st Garozzo, 31’st Bonarrigo (rig)

SANTA CROCE : Di Giacomo, Piluso, Ragusa (38’st Nei), Scribano, Di Martino, Basile, Consalvo (34’st La Vaccara), Ruscica, Puma, Bonarrigo (42’st Cascone), Incardona. All Buoncompagni-La Vaccara.

CITTA’ DI CATANIA: Falletta D., Bruno, Falletta A., Mirabito, Blatti, Coniglio, Campilongo ( 6’st Di Venuto), Gueye Alioune, Romano (34’ st Vittorio), Maesano, Garozzo. All Di Maria.

Arbitro: Girgenti di Agrigento.
Note: espulsi Consalvo (SC), dopo essere stato sostituito; Mirabito e Maesano (CC). Ammoniti: Di Martino, Consalvo, Scribano (SC); Di Venuto e Bruno (CC). Angoli 4-3 per i locali. Rec 6’ e 4’.


Con una gara esemplare, sebbene avesse ancora sulle gambe la partita di mercoledì in Coppa Italia, il Santa Croce domina e supera il Città di Catania, che non ha brillato per gioco e occasioni da rete, ma ha saputo imbrigliare il gioco dei locali e stava facendo fruttare alcune indecisioni dei biancazzurri con prospettive di risultato positivo oltre i propri meriti. Al 23’ e al 27’ infatti, due indecisioni della difesa del Santa Croce, avevano permesso in ambedue le occasioni a Romano di involarsi solo verso la porta e calciare a botta sicura. In entrambe le occasioni il sempreverde Di Giacomo riusciva a respingere da campione i tiri in porta della punta rossoblù e a impedire il vantaggio ospite. Al 13’ c’era stata la prima palla gol della gara per il Santa Croce con Ruscica che di testa inviava di poco a lato un pregevole cross dalla destra di Incardona. Tecnicamente superiore agli avversari, il Santa Croce per tutta la prima frazione, non riusciva a far emergere la sua superiorità, sia per le incertezze difensive che per una certa stanchezza fisica e mentale. Al 41’ i locali si scuotevano dal loro torpore e passavano in vantaggio. Bonarrigo ispirava sulla destra per Piluso che crossava sotto porta dove Incardona di testa insaccava. Al 43’ l’ennesimo svarione di Basile metteva Garozzo a tu per tu con Di Giacomo. Il n° 11 ospite però svirgolava goffamente la palla che si alzava sulla traversa.

Nella ripresa il Città di Catania aumentava i suoi sforzi per raggiungere il pareggio. Al 9’ Garozzo dal limite dell’area faceva partire un gran tiro su cui Di Giacomo si distendeva all’incrocio dei pali deviando la sfera in angolo. All’11 ottima triangolazione Bonarrigo-La Vaccara con quest’ultimo che tirava di poco a lato. Al 20’ Garozzo ben lanciato sparava alto. Due minuti dopo era Puma che, solo davanti al portiere, tirava sull’estremo difensore ospite che respingeva. Al 24’ da calcio d’angolo Garozzo interveniva di testa e insaccava. Il Santa Croce non ci stava e aumentava la pressione e il gioco nell’area avversaria. Al 31’ Bruno toccava palesemente con il braccio in area costringendo il direttore di gara ad assegnare la massima punizione al Santa Croce. Bonarrigo trasformava il rigore. Al 41’ lo stesso Bonarrigo lanciava in area Incardona che spediva la sfera di poco a lato. Importante vittoria del Santa Croce che consolida la sua posizione in zona play off.

COMISO – ATLETICO CATANIA: 2 – 1
Marcatori: 10’ Rimmaudo, 20’st Gurrieri M., 44’ st Mintola

COMISO: Gurrieri D., Giarratana, Giallongo, Manuello, De Maria ( 3’ st Lupita, Guarino, Rimmaudo, Comandatore, Cinnirella, Gurrieri M. (27’st Navanzino) (48’st Nigita), Nobile. All Fichera.

ATLETICO CATANIA: Di Benedetto, Grasso, Rosignoli (10’ st D’Urso), Tistone, Platania, Sparta, Musumarra (10’st Scaglione), Mintola (15’st La Marca), Ranbes, Reitano, Ventura. All Marletta.


Il Comiso, seppur non abbia condotto una buona gara, ha superato un ostico Atletico Catania, che ha concluso in otto uomini la gara per l’espulsione di due giocatori e l’infortunio di un terzo. Altri due giocatori sono stati espulsi dalla panchina. La formazione di Fichera ha fatto un passo indietro nel gioco rispetto al turno precedente ma ha guadagnato in carattere e cinismo, dimostrando anche di aver acquisito la capacità di combattere anche in situazioni difficili. Il Comiso riusciva a passare in vantaggio al 10’ del primo tempo con Rimmaudo che, dopo aver ricevuto sulla fascia, sferrava un tiro a metà fra il cross e il tiro a rete, riuscendo a insaccare all’incrocio dei pali.

Per il resto della frazione e per buona parte della ripresa le due squadra alternavano la pressione nelle rispettive aree ma senza essere veramente incisive e pericolose. Al 20’ della ripresa sulla rimessa del portiere ospite Mirko Gurrieri raccoglieva la palla a metà campo e sferrava un gran tiro da centrocampo, vedendo il portiere fuori dai pali. La sfera si insaccava alle spalle Di Benedetto. Gli ospiti cercavano per il resto della frazione di riequilibrare la gara ma non ci riuscivano. Solo al 44’ in mischia accorciavano le distanze.