Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 525
SANTA CROCE CAMERINA - 17/10/2014
Sport - Calcio, Promozione: Bonarrigo e compagni affrontano il Belvedere, i santacrocesi il Battiati

S. Croce e Comiso a caccia della prima vittoria casalinga

I verdearancio di Sandro Fichera devono sfatare il tabù del "Comunale". Si gioca a porte chiuse Foto Corrierediragusa.it

Avranno compiti e obbiettivi similari Comiso e Santa Croce nelle gare che le vedranno affrontare rispettivamente lo Sporting Battiati e il Belvedere. Ambedue dovranno infatti «espugnare» i propri terreni di gioco, cercando la prima vittoria interna del campionato che nelle tre partite giocate dal Comiso e nelle due del Santa Croce in casa non è purtroppo ancora giunta.

Il Comiso ha subito fra le mura amiche tre sconfitte e ben nove gol a fronte dei tre realizzati, bilancio che fa da contraltare alle due vittorie e all’unica sconfitta esterna fin qui registrate. Un ruolino di marcia nel quale la formazione del presidente Mascara paga il ritardo di preparazione e una forse insufficiente caratterizzazione dei nuovi elementi inseriti in squadra quest’anno mentre i «veterani» hanno risposto quasi tutti bene. Ad eccezione del portiere Gurrieri che è incappato in due turni insufficienti dove ha sciorinato delle prestazioni molto al di sotto delle sue capacità. Con la penultima in classifica, lo Sporting Battiati, reduce dalla conquista domenica scorsa del primo punto in campionato, il Comiso vorrà sfatare il tabù del «Comunale» dove ancora fra Coppa Italia e campionato i tifosi hanno assistito solo a sconfitte. L’occasione e l’atmosfera sembrano però buone e una prospettiva positiva si potrebbe affacciare anche perché la squadra ha dimostrato di aver avuto una crescita significativa, quantunque non perfettamente consolidata per la difficoltà di amalgamare un organico ancora in via di assestamento. Domenica mancherà ancora Nobile, che dovrà scontare la seconda giornata di squalifica e Giacomo Navanzino che si è infortunato.

Anche il Santa Croce vorrà cercare la prima vittoria interna di campionato che le è sfuggita, in alternativa al pareggio, nelle due gare interne precedenti con Palazzolo e Atletico Gela dove a causa di errori arbitrali e episodi occasionali la formazione biancoazzurra non è riuscita a meritare almeno la divisione della posta, dopo aver giocato delle buone gare. Contro il Belvedere l’impresa non è così facile come il fattore campo potrebbe indurre a sperare. La formazione siracusana è reduce dall’aver fermato in casa Ragusa e Palazzolo, dimostrando di saper affrontare con il piglio giusto squadre anche più quotate. La formazione biancazzurra però vuole la vittoria. C’è il solo Basile in dubbio per infortunio e probabilmente non prenderà parte alla gara.

Rientra invece dalla squalifica Scribano che potrebbe risolvere, con la sua presenza in campo, problemi di formazione e di equilibri nell’organico. La squadra comunque è cosciente delle proprie potenzialità, emerse nelle gare esterne dove ha realizzato, fino adesso, in tre gare, ben quattordici gol e subendone solo due, cucendosi l’immagine di squadra da gare esterne seppure ha dimostrato anche in casa di giocare su buoni livelli.