Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1181
SANTA CROCE CAMERINA - 26/08/2014
Sport - Calcio, Promozione: la vittoria esterna assicura la qualificazione alla squadra biancazzurra

S. Croce già in palla, Comiso da rivedere e completare

Le incertezze legate all’iscrizione al campionato di Promozione e alcune diatribe interne infatti hanno portato ad un pesante ritardo nella preparazione del Comiso Foto Corrierediragusa.it

Esordio secondo le previsioni per Comiso e Santa Croce che si sono affrontate in Coppa Italia con obbiettivi diversi ma entrambi in prospettiva campionato. Il Comiso è scesa in campo dopo un inizio tribolato e alle prese ancora una volta con le stesse problematiche che avevano segnato la parte finale della scorsa stagione: problemi di assetto societario e disponibilità del campo di gioco. Ambedue le problematiche sembrano comunque avviate a soluzione ma hanno inciso ancora una volta nell’aspetto sportivo e nella resa della squadra.

Le incertezze legate all’iscrizione al campionato di Promozione e alcune diatribe interne infatti hanno portato ad un pesante ritardo nella preparazione del Comiso che è sceso in campo contro il Santa Croce con neanche una settimana di allenamento alle spalle contro le tre degli avversari. La gara, di conseguenza, è stata fortemente condizionata dalla insufficiente preparazione del Comiso che ha retto fino ad un certo punto contro i più rodati avversari.

La formazione verdearancio comunque ha dimostrato forza di volontà e abnegazione dando segnali incoraggianti sul pronto recupero della forma fisica e tecnica. Non è stata, a dire il vero, solo la scarsa forma fisica a far soccombere il Comiso per 3-1 contro la formazione santacrocese. La compagine biancoazzurra, invero, ha dimostrato di avere un carattere tecnico ben elevato rispetto ai comisani e solo il caldo e la stanchezza non ha permesso alla formazione allenata da Buoncompagni e La Vaccara di imporsi con un risultato più largo. Sembra quindi far sul serio il Santa Croce che sulla forza fisica e tecnica dell’organico rinforzato vuole impostare la sua nuova stagione agonistica. Domenica a Santa Croce il ritorno con l’esordio in casa della formazione biancazzurra che però potrebbe giocare a porte chiuse la prima partita casalinga della stagione per via dei perduranti problemi di agibilità dell’impianto sportivo di contrada S.Rosalia.