Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 548
SANTA CROCE CAMERINA - 12/07/2014
Sport - Calcio, Promozione: la panchina affidata al duo Buoncompagni-La Vaccara

"Colpo" S. Croce: Carmelo Bonarrigo resta

Il direttore sportivo è Giuseppe Nasello che, dopo aver giocato lo scorso anno nella formazione biancoazzurra, appenderà le scarpe al chiodo per dedicarsi alla definizione dell’inserimento dei giocatori in squadra Foto Corrierediragusa.it

Con la definizione di alcuni ruoli societari, della direzione tecnica della squadra e di alcune prime conferme, è ufficialmente iniziata la nuova stagione sportiva della prima squadra calcistica di Santa Croce. La società ha ripreso il nome di Upd Santa Croce, chiudendo con l’esperienza negativa di un altro nome nello scorso campionato, a seguito di una sponsorizzazione che si era tradotta in un importo economico esattamente la metà di quello pattuito ad inizio stagione. L’assetto societario è rimasto comunque invariato.

I vecchi dirigenti e la maggior parte dei nuovi entrati lo scorso anno, provenienti dalla fusione con la Nuova Kamarinense, hanno confermato in toto la loro adesione al progetto del nuovo Santa Croce e la prima decisione è stata la conferma alla guida della squadra dei due giocatori Samuele Buoncompagni e Calogero La Vaccara. Si è defilato invece un elemento, La Cognata, che aveva fatto l’ingresso proprio più di un mese fa e che, probabilmente, premeva per l’arrivo di un altro allenatore. Il secondo intervento della dirigenza ha riguardato la nomina come direttore sportivo di Giuseppe Nasello che, dopo aver giocato lo scorso anno nella formazione biancoazzurra, appenderà le scarpe al chiodo per dedicarsi alla definizione dell’inserimento dei giocatori in squadra. La nomina di Nasello come ds ha prodotto, di conseguenza, il primo importante colpo di mercato. Nasello infatti è l’artefice della conferma di Carmelo Bonarrigo (nella foto), il forte centrocampista ex Ragusa e Palazzolo, del quale appena un mese fa veniva dato quasi sicuro di approdare nuovamente nel Ragusa. Invece Bonarrigo ha scelto ancora una volta Santa Croce, contento anche dell’ambiente trovato e degli stimoli che potrà avere in una società sana e sportivamente proiettata a buoni obbiettivi. Adesso il lavorio della dirigenza è imperniata sulla individuazione dei due giovani del ’97 che dovranno quest’anno entrare nella rosa della squadra, come da regolamento. In base alle scelte e quindi ai ruoli espressi dai due nuovi giovani, la società e i responsabili tecnici, allenatori e ds, inizieranno a costruire la squadra che la dirigenza vorrebbe comunque imperniata nella continuità rispetto allo scorso campionato. E’ già sicuro invece che Emiliano Quintana non sarà dell’organico perché ha scelto di dedicarsi agli studi e lo stesso Valerio Ragusa, che si vorrebbe confermato, non si sa se continuerà a giocare in squadra. Sabato 19 e sabato 26 si terranno allo stadio comunale due stage dove verranno valutati alcuni giovani.

Proprio in questi giorni intanto si potrebbe chiudere la trattativa per l’arrivo di un centrocampista del Comiso, di provata esperienza, ma la conferma si saprà solo nelle prossime ore. Intanto la società ha avuto rinnovato per altri tre anni da parte del Comune di Santa Croce la gestione dello stadio comunale, tranquillizzando in parte la dirigenza sul futuro della società. Per essere invece tranquilla del tutto al società si aspetta invece la risoluzione dell’altro annoso problema dell’agibilità dello stadio che l’amministrazione comunale continua a non concedere. Occorrono infatti dei lavori che l’ente di Palazzo dell’Aquila tenta di procrastinare, adducendo le ormai stantie scuse di non disporre delle somme necessarie all’attuazione di tali interventi. Si sta cercando di trovare comunque una soluzione per evitare che il Santa Croce giochi il prossimo campionato a porte chiuse, che sarebbe un danno rilevante e potrebbe compromettere già dall’inizio la prossima stagione sportiva.