Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 882
SANTA CROCE CAMERINA - 19/04/2014
Sport - Calcio, Promozione: l’appuntamento è per domenica 11 sul campo di S. Cataldo contro il Mussomeli

S. Croce in finale di Coppa: Eccellenza nel mirino

I tifosi arriveranno nella cittadina nissena con almeno due pullman e numerose auto private al seguito, bissando le trasferte «storiche» a Licata, Palazzolo Acreide e Belpasso Foto Corrierediragusa.it

Concludere la fase finale della stagione regolare lottando per la salvezza diretta in Promozione ma ritrovarsi quasi per incanto ad essere ad un soffio dalla promozione in Eccellenza. E’ la dolce favola che sta vivendo il Santa Croce (nella foto: la formazione) dopo la qualificazione alla finale del torneo «Orazio Siino», valevole come torneo regionale di Coppa Italia di categoria. L’impresa della formazione biancazzurra di qualificarsi alla finale di Coppa Italia non ha precedenti nella sessantennale storia della società di calcio camarinense. Ma, come detto, i prossimi appuntamenti potrebbero riservare ulteriori graditissime sorprese per i colori biancazzurri. L’Eccellenza è a un soffio. Solo una serie negative di circostanze potrebbero far saltare questo agognato traguardo.

Le probabilità del salto di categoria sono alte, anche se nel calcio, come è d’abitudine profferire, non tutto è scontato e solo i risultati in campo danno le certezze finali. Il Santa Croce affronterà nella finale di Coppa Italia il prossimo 11 maggio a San Cataldo, su un campo in sintetico, la formazione nissena del Mussomeli, squadra di alto tasso tecnico che nel campionato di Promozione, lo stesso del Santa Croce, è giunta seconda alle spalle del Ribera ’54, promosso in Eccellenza. La forza però del Mussomeli è stata tale che in classifica ha dato ben diciassette punti di distacco alla terza classificata, la Libertas 2010 di Grotte (Ag), che così non ha potuto neanche disputare i play off. Il Mussomeli, grazie alla sua performance, si è qualificata direttamente per la finale play off della Sicilia meridionale, dove affronterà la vincente della sfida fra Comprensorio Normanno di Paternò e Sicula Leonzio di Lentini, in programma il prossimo 27 aprile. La successiva finale play off si svolgerà domenica 4 maggio, molto probabilmente a Gela e indurrà il Mussomeli a vincere il confronto per essere sicura del salto di categoria.

Il Santa Croce farà affidamento a questo stimolo e alla forza del Mussomeli di vincere la finale play off dei gironi C e D in quanto se la compagine rossoblù vince la finale play off e si guadagna il salto in Eccellenza, il Santa Croce potrà gioire di conseguenza in quanto sarà anch’essa promossa in Eccellenza. La vittoria in Coppa Italia garantisce infatti un posto nel campionato regionale per cui, con il Mussomeli già promosso, la squadra nissena libererebbe il diritto di disputare l’Eccellenza al Santa Croce. Molti tifosi santacrocesi saranno quindi a Gela il prossimo 4 maggio per tifare Mussomeli e festeggiare già da allora il salto di categoria. Nella finale di Coppa Italia di San Cataldo, il Mussomeli dovrà fare a meno di tre importanti giocatori che dovranno scontare una squalifica, tra cui il forte Saraniti. Nel Santa Croce invece saranno assenti per squalifica la punta Rizzo e il difensore Ragusa.

Su un campo in sintetico il Santa Croce ha dimostrato quest’anno di trovarsi a suo agio, sfoderando ottime prestazioni come quella di Custonaci nel ritorno dei quarti di finale di Coppa Italia contro il forte Dattilo, surclassato per 3-2. Il Mussomeli invece ha dimostrato di saperci fare nei terreni in terra battuta, per cui in un campo in sintetico sembra essere favorita la squadra biancoazzurra. Nella cittadina comunque non si parla altro che della finale dell’11 maggio a San Cataldo e la febbre sale più si ci avvicina alla data. I tifosi arriveranno nella cittadina nissena con almeno due pullman e numerose auto private al seguito, bissando le trasferte «storiche» a Licata, Palazzolo Acreide e Belpasso dove per tre anni di seguito, 2008, 2009 e 2010 il Santa Croce disputò le finali play off per il salto in Eccellenza, riuscendo nell’impresa il 18 maggio del 2010 nella finale di Belpasso.