Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:35 - Lettori online 737
SANTA CROCE CAMERINA - 03/05/2012
Sport - Calcio: due gol nella ripresa condannano i camarinensi

Finisce l´avventura del S. Croce in Coppa. Passa il Bagheria

Iblei sfortunati: due pali colpiti nel primo tempo da Consalvo e Rimmaudo
Foto CorrierediRagusa.it

Bagheria 2 Santa Croce 0
Marcatori: 55´ Ferrara (rig.), 65´ Iurato (aut.).

Città di Bagheria: Vasta 7, Lo Coco 6, Amato 6, Licari 6, Correnti 5,5 (66´ Bonomonte 6), Arrigo 6, Materazzo 6 (80´ Graziano sv), Lipari 6, Greco 6, Ferrara 5,5, Ferrito sv (12´ Giordano 5,5). All. Rinaudo.
Santa Croce: Gurrieri 6, Indigeno 5,5 (60´ Incardona 5,5), Basile 6, Russo 5,5 (68´ Manzella sv), Sferrazza 6, Iurato 5,5, Consalvo 6,5, Quintana 5,5, Brugaletta 6, Donato 6, Rimmaudo 6 (51´ Di Vita 6). All. Buoncompagni.

Arbitro: Visalli di Messina.


Il Santa Croce ci ha provato, ma non è stato fortunato oppure ha trovato sulla sua strada l´ottimo portiere di casa Vasta. Due legni colpiti da Consalvo (5´) e Rimmaudo (25´) nel primo tempo hanno impedito alla squadra ragusana di riaprire la contesa, dopo il ko subito in casa all´andata. E così in finale di Coppa Italia va il Città di Bagheria, che soffre all´inizio e poi dilaga nella ripresa. Partita a lungo equilibrata, ricca di capovolgimenti di fronte, a tratti anche cattiva. Il Santa Croce all´inizio ha provato a mettere in difficoltà la retroguardia di casa, apparsa in un paio di occasioni impreparata, ma passata la paura (leggasi i legni di Consalvo e Rimmaudo), il Bagheria s´è scrollato di dosso i timore ed ha conquistato la posta in palio.

Nel primo tempo i portieri Vasta e Gurrieri, anche se non sono mancate la azioni e i pericoli, non hanno dovuto compiere particolari interventi. Nella ripresa, invece, s´è sbloccato lo 0-0. Merito del palermitano Ferrara che al 55´ ha trasformato un penalty concesso dall´arbitro per un fallo commesso da Indigeno sullo stesso attaccante nerazzurro. A questo punto il Santa Croce, che aveva giocato una gara caparbia e generosa, ha ceduto le armi: e così il Bagheria s´è portato al 65´ sul 2-0 sfruttando una clamorosa autorete di Iurato. Il Bagheria fa festa per la terza finale di Coppa Italia.