Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 606
SANTA CROCE CAMERINA - 12/02/2011
Sport - Calcio Eccellenza: sfida cruciale al Comunale contro la capolista

Santa Croce senza timori reverenziali contro Palazzolo

C’è fiducia dopo le ultime, brillanti prestazioni

Occorre confermare i miglioramenti visti domenica scorsa a Vittoria. E’ questo l’obbiettivo che il S.Croce si prefigge nella partita di domani al «Comunale» contro la capolista Palazzolo, in un incontro temuto forse due settimane fa ma che adesso, dopo l’ottima prestazione con il Vittoria, è visto più come una sfida quasi alla pari che come un insormontabile scoglio da superare. Il S.Croce, rigenerato dalla cura tecnica del duo Agnello-D’Iapico, affronterà quindi i siracusani in un aperto confronto nel quale la formazione biancazzurra non parte perdente o sfavorita, sebbene l’undici gialloverde, si è ben coscienti, attualmente è tecnicamente superiore.

La squadra del presidente Marco Agnello, che per questa partita chiede ai suoi ragazzi di dare continuità alla trasformazione qualitativa vista nella trasferta vittoriese, sembra in un colpo aver ripreso grinta, determinazione, gioco e schemi tattici. In casa, con il pubblico amico, la formazione biancazzurra avrà modo di perfezionare quanto di buono sta facendo per uscire fuori dalla zona play out. Molto dipende anche dalla completa disponibilità della rosa dei giocatori.

A parte la perdurante mancanza di Iurato, infortunato al menisco, che starà fermo ancora per 20 giorni, un mese, mancherà il giovane Aprile che aveva esordito domenica scorsa in prima squadra e, forse, Davide D’Agosta che domenica scorsa aveva rimediato a Vittoria una brutta botta e non si sa se potrà recuperare per l’incontro con la capolista. Dalla sua disponibilità dipende la costruzione del centrocampo che proprio con lui domenica scorsa, nel tridente con Castro e Romeo, aveva consentito la qualità del gioco che si aspettava da tempo.

Se non sarà disponibile D’Agosta potrebbe fungere da terzo centrocampista Stefano Scifo, che in effetti è stato provato in settimana per quel ruolo. In avanti Romeo sarà punta avanzata mentre esterni alti saranno Di Vita e Crisafulli, con quest’ultimo che potrebbe risultare il trascinatore del gioco viste le sue spettacolari qualità ammirate nella partita contro il Vittoria. In difesa potrebbero essere confermati D’Iapico e Guarino centrali e Mancarella e Mazzone esterni. Finalmente al «Kennedy» si prevede un’ottima presenza di pubblico per una partita che dovrebbe rappresentare anche una occasione per una maggiore fidelizzazione dei tifosi con la squadra.