Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1613
SANTA CROCE CAMERINA - 23/01/2011
Sport - Calcio Eccellenza: ora è crisi profonda per la squadra di Digiacomo

Il S. Croce perde in casa del Paternò, ultimo classifica

Il gol arriva al 31’ del primo tempo ma gli azzurri non sono riusciti a recuperare
Foto CorrierediRagusa.it

Paternò S: Croce 1 - 0
Marcatore: D´Antoni 31´ pt


Il S.Croce infila un’altra squallida prestazione andando a perdere per 1-0 a Paternò contro la squadra ultima in classifica, che fino adesso aveva racimolato solo due punti. Sin dal primo minuto i ragazzi di Digiacomo hanno mostrato di poter incappare nella giornata storta, determinata in questo caso da una generale deludente prestazione che da errori arbitrali o da una netta superiorità dell’avversario.

Il Paternò infatti non ha mostrato per tutti i novanta minuti di essere formazione che avrebbe potuto impensierire un S.Croce come eravamo abituati a vedere nel girone di andata o che si sarebbe impegnato in campo. L’undici biancazzurro infatti non ha potuto dimostrare la sua superiorità per il semplice fatto che non ha, per tutta la partita, accennato ad una seppur minima volontà di giocare e di affrontare l’avversario.

Un atteggiamento incomprensibile, un approccio sbagliato all’incontro che comunque non è nuovo in questo campionato, verificatosi anche nell’incontro con il Trecastagni sul neutro di Ragusa e nella parte finale della partita in casa con la Spadaforese. Il gol al 31’ del primo tempo di D’Antoni poteva essere recuperato solo se l’undici allenato da Digiacomo avesse tirato fuori solo un po’ di orgoglio.

Dopo questa sconfitta si complica la posizione in classifica del S.Croce e sembra ormai chiaro che qualcosa deve cambiare, qualche inversione di tendenza la società deve dare per non compromettere il campionato e quanto di buono è stato realizzato fino adesso.