Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 821
SANTA CROCE CAMERINA - 08/11/2010
Sport - Calcio eccellenza: la partita è finita 2 - 2

Calcio: Santa Croce torna da Taormina con un punticino

Il direttore di gara, nel secondo tempo, avrebbe arbitrato a senso unico

Taormina - Santa Croce 2 - 2

Il S.Croce torna dalla «gita» a Taormina con un pareggio sul quale la squadra biancazzurra ha molto da recriminare sia perché ha sciupato il doppio vantaggio che la vedeva avanti alla fine del primo tempo sulla squadra messinese sia perché ancora una volta la direzione di gara ha inciso nettamente a sfavore dell’undici allenato da Digiacomo. Nel secondo tempo infatti il signor Saggio di Siracusa ha arbitrato a senso unico e a favore solo dei locali taorminesi che, come detto, alla fine del primo tempo erano in svantaggio per 2-0 grazie alle reti di Rizzo e di Stefano Scifo.

Un atteggiamento della direzione di gara che lascia molti interrogativi e forti dubbi su un possibile condizionamento avvenuto proprio durante il riposo. Non si spiega altrimenti l’atteggiamento del fischietto siracusano che ha letteralmente sfavorito, con i suoi interventi arbitrali, il gioco del S.Croce e la possibilità di manovre della squadra santacrocese per tutti i secondi 45 minuti. La formazione biancazzurra aveva giocato la prima frazione alla grande, surclassando nel gioco e nella supremazia tattica la formazione di casa, troppo scialba e inconcludente.

Era passata in vantaggio al 18’ con Rizzo che aveva deviato di testa in rete un cross di Basile dalla fascia ed aveva poi trovato il raddoppio al 35’ con Stefano Scifo bravo a superare il portiere dopo aver raccolto in area un pregevole assist di Incardona. Nella ripresa, per i primi venti minuti, il S.Croce controllava la partita ma subito dopo mostrava un calo fisico e tecnico che consentiva al Taormina di venire fuori e accorciare le distanze al 69’ con D’Antonio. All’80’ il S.Croce perdeva Rizzo, espulso per doppia ammonizione, la prima dopo il gol per essersi sfilata la maglietta e la seconda per proteste dopo il gol del 2-1 del Taormina. All’85 la terna arbitrale confezionale il pareggio per la squadra di casa non segnalando il fuorigioco di ben tre metri ad un attaccante locale lanciato in area e atterrato poi dal portiere santacrocese.

Il rigore veniva prima inviato sulla traversa dal portiere Scifo e sulla ricaduta Dardanelli di testa segnava. Concitato il finale con il S.Croce che recriminava con la direzione arbitrale e finiva peggio una partita che invece poteva lanciarlo su posizioni di classifica migliori. Di buono rimane la sensazione che la squadra continua nella sua buona condizione fisica e tattica, confermando però alcuni cali pericolosi di tensione che, come a Belpasso, in vantaggio e poi sconfitti, hanno fatto perdere quanto di buono era stato costruito prima.