Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 716
SANTA CROCE CAMERINA - 23/10/2010
Sport - Calcio eccellenza:

Calcio: un Santa Croce più prudente affronta il Palazzolo

Il tecnico Andrea Digiacomo è cosciente che inizia la fase di campionato in cui, finito il rodaggio iniziale, tutte le squadre cominciano a dare il meglio

E’ un S.Croce più prudente quello che affronterà il Palazzolo fra le mura amiche della squadra gialloverde siracusana per la settima giornata di Eccellenza. Il tecnico Andrea Digiacomo è cosciente che inizia la fase di campionato in cui, finito il rodaggio iniziale, tutte le squadre cominciano a dare il meglio per consolidare posizioni e affinare le proprie prestazioni, per cui continua a predicare ai suoi ragazzi di non mostrare quella presunzione di chi ha già fatto qualcosa di buono e vorrebbe campare sugli allori.

Il tecnico biancazzurro in settimana ha lavorato sugli schemi di gioco, pensando di impostare una partita con i reparti più equilibrati, per ammortizzare meglio qualsiasi situazione difficile in campo. Per questo Digiacomo sta lavorando a poter variare il modulo tattico, quel 4-2-3-1 che ha fino adesso consentito al S.Croce di essere un pizzico spavaldo, soprattutto fuori casa, contando sul fatto di aver affrontato in alcuni casi formazioni di pari livello.

Da questa fase del campionato in poi, come detto, non è più possibile, considerando che, con il Palazzolo, la formazione del presidente Marco Agnello è al secondo appuntamento di un ciclo impegnativo che, iniziato con il Vittoria domenica scorsa, proseguirà il prossimo turno con la capolista Biancadrano per terminare fra due domeniche con il Taormina. Per cercare quindi di dare più equilibrio alla squadra il tecnico santacrocese potrebbe passare a un 4-4-2 o al modulo che lo scorso campionato gli ha dato ragione, quel 4-3-3 obbiettivo iniziale anche per questa stagione.

La prospettiva su quest’ultimo modulo la potrebbe offrire il possibile rientro di Daniele Rizzo, il bomber tanto atteso, fuori da 40 giorni per infortunio che questa settimana si è allenato con la squadra e sembra aver allontanato definitivamente i postumi dell’infortunio. Digiacomo però non lo vorrebbe rischiare dall’inizio per cui il suo rientro sarà graduale e concordato con lo stesso giocatore. Rientrerà dalla squalifica lo stesso tecnico Digiacomo la cui presenza in panchina è un riferimento per i suoi ragazzi che in diverse circostanze hanno mostrato di essere galvanizzati proprio dal mister a bordo campo. Sul versante della costruzione delle nuove tribune sembra esserci un po’ più di ottimismo.

L’amministrazione comunale parla non più di «settimane» ma di «giorni», facendo riferimento tra la fine di ottobre e l’inizio di novembre per avere i nuovi spalti montati. Sembra che manchi sono la firma fra la società che sta provvedendo alle spese per il montaggio e la ditta che dovrà montare le tribune, tutte in tubi in ferro. Allo stadio, in effetti, mancano solo le tribune, in quanto è stata completata la costruzione della rete di recinzione e dei cancelli, la base in cemento armato su cui saranno costruite le tribune e preparato il fondo in erba del terreno di gioco che si presenta in ottime condizioni. Manca veramente un niente per avere il «J.Kennedy» la «Scala del calcio» di S.Croce: solo il disegno delle linee del rettangolo di gioco.