Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 701
SANTA CROCE CAMERINA - 03/10/2010
Sport - Calcio Eccellenza: sul neutro di Comiso finisce addirittura 5 a 2

Calcio: goleada della matricola terribile S. Croce sul Paternò

Se continua così la squadra rivelazione del presidente Marco Agnello anziché centrare l’obbiettivo della salvezza potrà anche centrare l’obbiettivo play-off

SANTA CROCE CAMERINA – PATERNO’ 5 – 2

Marcatori: 5’ Borzì, 18’ Elamroui (rig), 39’ Gulisano (aut.), 6’ st Nicolosi, 7’st Gambino, 31’st Scifo S., 47’st Costa.

S. CROCE CAMERINA : Scifo G. 6, Mazzone 6,5, Sella 6, Romeo 6,5, Iurato 7, D’Iapico 7,5, Incardona 5,5, Russo 6 (39’st Nasello sv), Gambino 6,5 (30’st Basile 6), Elamroui 6,5 (18’st Costa 6), Scifo S. 6. All Digiacomo.

PATERNO’ : Caroccia 6, Gulisano 6, Cortese 6, Pecorino 5,5, Carastro 5, Coniglio 6,5 ( 14’st Sottile 6), Marziale 5, Roccia 5,5, Fiorello 5,5 (5’st Nicolosi 6,5), Marino 6, Borzì 6 (33’ Guarnaccia 5,5).All Patti.

Arbitro: Caruso di Palermo 6.

Note: espulsi Carastro e Marziale (P), per doppia ammonizione e Incardona per brutto fallo. Ammoniti: Gambino, Sella, Iurato e Elamroui (S.C.) e Nicolosi (P). Angoli 3-3. Recuperi: 4’- 5’. Buona presenza di pubblico locale.


Ed ecco il S.Croce, matricola terribile, vincere e portarsi nelle zone alte della classifica a un punto dalle due nuove capoliste, Biancadrano e Real Avola. Se continua così il S.Croce del presidente Marco Agnello anziché centrare l’obbiettivo della salvezza potrà anche centrare l’obbiettivo play-off. La vittoria contro l’ultima in classifica, si dirà, non può dirsi certamente probante ma, aldilà del risultato, la formazione biancazzurra ha mostrato umiltà tattica e determinazione soprattutto dopo essere stata in svantaggio ad appena cinque minuti dal fischio d’inizio.

Il Paternò, ad onor del vero, non ha dimostrato di essere squadra da ultimo posto in classifica e, considerando anche le assenze di Licandri infortunato e di Leanza e Ierna squalificati, la squadra rossoblù per una buona parte della gara ha saputo tenere testa al meglio organizzato S.Croce. La chiave della partita è stata appunto la migliore organizzazione tattica della formazione allenata da Andrea Digiacomo che, seppur con alcune sbavature nei disimpegni e in qualche eccesso in fase di costruzione del gioco, è uscita alla lunga proprio per la migliore tranquillità tattica e per la splendida forma fisica un po’ di tutta la squadra.

Altro elemento importante è stato il positivo rientro di capitan D’Iapico che ha tenuto in mano i compagni, dando loro quella sicurezza che in altre occasioni era venuta un po’ meno. Inizio in salita per il S.Croce al 5’ quando, a causa di un errore di Russo, gli ospiti trovavano il gol con Borzì. Il S.Croce reagiva con ordine grazie alle giocate sulla fascia di Elauroui e di Incardona che riuscivano a filtrare sotto porta. Al 18’ Gambino veniva atterrato in area da Carastro ed Elamroui trasformava il rigore.

Al 23’ lo stesso Carastro veniva espulso per doppia ammonizione e il S.Croce aveva ancora miglior gioco sulle fasce, con gli ospit che si dovevano chiudere in difesa. Al 39’ però nulla poteva fare il reparto arretrato rossoblù quando, dopo una ficcante incursione sulla destra di Stefano Scifo la palla giungeva sotto rete nei pressi di Gambino che veniva anticipato da Gulisano che però insaccava nella sua porta.

Nella ripresa Nicolosi appena entrato al 6’ trasformava in gol una punizione dal limite. Un minuto dopo però il S.Croce in contropiede con il tonico Gambino andava sul 3-2. Al 21’ veniva espulso Incardona e dopo cinque minuti Marziale. Arrotondavano il punteggio al 31’ Stefano Scifo e al 47’ Costa subentrato a Elamroui. Il S.Croce fa felice i suoi tanti tifosi giunti a Comiso e regala prospettive di un buon torneo, impensabili all’inizio del campionato.