Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 19 Ottobre 2018 - Aggiornato alle 18:25
SANTA CROCE CAMERINA - 08/08/2018
Sport - Calcio, Eccellenza: la prima settimana di preparazione si è chiusa con una partitella

S. Croce primi calci e primi gol in famiglia. Lucenti soddisfatto

Attesa tra i tifosi per il primo derby di stagione contro il Marina di Ragusa in Coppa Italia Foto Corrierediragusa.it

Il Santa Croce ha chiuso la prima settimana di allenamenti con una sgambata in famiglia fra Santa Croce A e Santa Croce B, giocata al «Kennedy». Mister Gaetano Lucenti (foto) ha voluto testare così la condizione fisica dei suoi uomini, dopo sette giorni intensi di allenamento con carichi di lavoro pesantissimi. Il trainer camarinense ha mischiato le carte proponendo due formazioni speculari che si sono battagliate per due tempi. La prima frazione terminata sul punteggio di 1-1 ha visto le reti di Sammartino e del giovane Nicosia. Nella ripresa dopo un ennesimo rimescolamento, si sono viste le reti di Di Rosa, Leone, Gravina e Fiore. La gara è terminata con il punteggio di 5-2, ma, la cosa più importante è stata la buona tenuta atletica dei giocatori che hanno fatto vedere delle ottime giocate e buoni spunti.

»Sono molto soddisfatto di questa prima settimana di lavoro- ammette il tecnico Gaetano Lucenti- Quasi tutti dai test fisici fatti si sono presentati in condizioni accettabili e questo mi fa ben sperare per il futuro. I primi dieci dodici giorni saranno i più duri dopodiché si cambieranno i carichi per cercare di arrivare entro metà settembre ad avere una condizione fisica accettabile. Nel frattempo lavoreremo sotto l´aspetto tattico per integrare vecchi e nuovi nel progetto tattico che noi dello staff abbiamo intenzione di portare avanti. Un ultimo pensiero lo voglio dedicare al gruppo che si sta venendo a creare, sono molto fiducioso e contento dell´aria che si respira dentro le quattro mura dello spogliatoio. Nuovi sono tutti ragazzi educati e volenterosi».