Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 24 Settembre 2018 - Aggiornato alle 15:54
SANTA CROCE CAMERINA - 15/05/2018
Sport - Calcio, Promozione: il tecnico fa parte del progetto della società

S. Croce: Gaetano Lucenti resta in panchina anche in Eccellenza

Il tecnico ha apprezzato la dedizione e lo spirito di sacrificio dei propri giocatori Foto Corrierediragusa.it

Non si è ancora completamente sopita in città la grande euforia per la promozione del Santa Croce in Eccellenza. Dopo la grande impresa di sette giorni fa con la vittoria nella finalissima contro il Terme Vigliatore, mister Gaetano Lucenti (foto) ritorna sul traguardo raggiunto rimarcando il suo grande attaccamento ai colori del Santa Croce calcio e dell’intera cittadina. Il tecnico si aspettava questo successo: «Visto il buon lavoro fatto l´anno scorso – ammette il tecnico biancoazzurro - ad inizio anno speravo di migliorare la classifica perché ero convinto che la società si era mossa bene sul mercato, poi man mano con lo scorrere delle settimane in me è nata la convinzione che questa squadra avrebbe stupito. Quando siamo riusciti a vincere in casa del Misterbianco –ricorda Lucenti- e ci siamo ripresi il secondo posto, è stato proprio in quel frangente, a fine gara, che ho avuto la certezza che la mia squadra avrebbe potuto fare l´impresa più impensabile, vale a dire quella di arrivare in Eccellenza. E così è stato. Nelle settimane e nei mesi a seguire –precisa il tecnico ragusano- nei ragazzi si è fortificata una mentalità e una voglia di vincere impressionante che ha portato la squadra a vincere le due finali consecutive che ci hanno regalato il salto di categoria». Lucenti si sofferma poi su pregi e difetti di questa squadra appena promossa. «Il pregio di questi fantastici ragazzi –ammette- è che presi uno ad uno in campo e fuori si sono dimostrati veri uomini che hanno avuto bene in mente l´obbiettivo e non l´hanno mai mollato. Il difetto è statoche, essendo giocatori dopolavoristi, abbiamo dovuto perfezionare l’organizzazione dei loro allenamenti per meglio adattarli alle esigenze della preparazione».

Poi un pensiero al prossimo futuro. «Personalmente è da due anni che mi confronto con la società – precisa Lucenti - ed abbiamo intrapreso assieme un percorso di crescita diverso rispetto alle altre piazze dove ho allenato. Mi aspetto adesso un percorso duraturo che possa essere d´esempio per tutta la provincia e che possa dare a chi lo sposa la possibilità di fare calcio in modo sano e professionale. Quindi posso solo dire loro – conclude il tecnico biancoazzurro - che sono onorato di far parte del progetto e di continuare il percorso di crescita intrapreso». Gaetano Lucenti dedica l’impresa della promozione «ai miei genitori, a mia moglie e ai miei figli che mi hanno sempre sostenuto, ma, anche alla società che ha creduto in me e a tutti i tifosi del Santa Croce».