Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 23 Maggio 2018 - Aggiornato alle 14:51
SANTA CROCE CAMERINA - 23/01/2018
Sport - Calcio, Promozione/D: contro il Priolo create tante occasioni ma non è bastato

Due sconfitte in 2 settimane. Che succede al S. Croce?

Dice il tecnico Lucenti: "Non è il tempo di fare processi, ma riflettiamo" Foto Corrierediragusa.it

Non è certamente il momento più favorevole della stagione per il Santa Croce che domenica scorsa ha rimediato la seconda sconfitta in quindici giorni, la seconda consecutiva fuori casa. Uno stop mal digerito da tutto l’ambiente biancazzurro che così vede allontanarsi in classifica la vicecapolista Misterbianco, distante adesso cinque punti anche se rimangono invariati i cinque punti in più che i biancoazzurri mantengono sulla quarta in classifica. Il film della gara contro lo Sporting Priolo dice però che la squadra di Gaetano Lucenti (foto) ha comunque creato tanto concretizzando poco. Proprio gli errori sotto porta hanno condannato i biancazzurri che hanno pagato oltre i propri demeriti. Clamorosi, infatti, sono stati gli errori e le occasioni mancate da Hydara e Leone ma altrettanto fortunose sono state le occasioni sfruttate dagli avversari che sono stati bravi a capitalizzare al meglio le poche chance avute.

«Dobbiamo recitare il mea culpa e accettare il risultato sul campo –dice l´allenatore Gaetano Lucenti– E’ indubbio che una squadra quando crea almeno tre palle nitide da rete per poter passare in vantaggio e non le trasforma alla fine paga gli errori. È la legge del calcio e i nostri avversari di domenica sono stati bravi a fruttare le loro occasioni e a punirci. Onore al Priolo per l’importante vittoria conquistata contro una pretendente alla corsa ai play off ma per noi è arrivato il momento di decidere quello che vogliamo fare nel prossimo futuro. Parlerò con la squadra per capire quali sono le problematiche che ci hanno portato ad avere un calo così importante. Non è ancora tempo di processi ma i punti che abbiamo perso in classifica ci devono fare riflettere». E soprattutto, diciamo noi, iniziare una seria riflessione tecnica per rimettersi in piedi e allontanare questa piccola crisi di risultati esterni.