Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 19 Agosto 2018 - Aggiornato alle 13:03
SANTA CROCE CAMERINA - 09/01/2018
Sport - Calcio, Promozione/D: troppi 4 gol sul groppone della squadra di Lucenti

Per il S. Croce una sconfitta dura da mandare giù

Per il ds Claudio Agnello: "«Per noi una gara sciagurata sotto tutti i punti di vista" Foto Corrierediragusa.it

E’ un brutto risveglio il dopo Marina-S.Croce per la squadra, i dirigenti e i tifosi biancoazzurri, ancora sotto choc per la pesante sconfitta subita. Un 4-0 meritato per i rossoblù locali ma che ha mostrato fra le file del Santa Croce per la prima volta in questo campionato un calo di tensione non preventivato per la formazione allenata da Lucenti. Una sconfitta, infatti, con la prima della classe ci poteva anche stare ma perdere in questo modo non è stato certo esemplare. Eppure all’ «Aldo Campo» negli anni passati il Santa Croce aveva disputato degli ottimi incontri sia con il Ragusa che con lo stesso Marina di Ragusa quasi che l’ «erba» del campo ragusano desse un tocco di agonismo in più ai biancoazzurri. Stavolta non è stata così. A parte i primi 12´ dove il Santa Croce aveva iniziato con il passo giusto la gara e avuto una limpida occasione da rete per passare in vantaggio, nei restanti ottanta minuti la compagine allenata da Lucenti si è sciolta come se lo scirocco che soffiava impetuoso sul campo ne avesse intaccato la grinta, la capacità di giocare, la lucidità di affrontare gli avversari. Alcune discutibili decisioni del direttore di gara non giustificano comunque un tale approccio alla partita da parte del Santa Croce

«Per noi una gara sciagurata sotto tutti i punti di vista -mastica amaro il dg biancoazzurro Claudio Agnello- Eravamo coscienti dello spessore degli avversari, che di certo non occupano la prima posizione per caso, ma avremmo sperato in tutt’altro tipo di incontro. L’errato approccio alla gara da parte nostra e una direzione arbitrale sfortunata ci ha condannati nei confronti di un avversario che ha dimostrato di avere mezzi e meriti al salto di categoria. Dispiace aver perso terreno in classifica a causa di una sconfitta, che contro la capolista può anche starci, - ammette Agnello - ma tutto ciò non ha vanificato quanto di buono fatto fin ora in quanto rimaniamo in piena corsa playoff. La squadra adesso è chiamata ad archiviare subito la battuta di arresto – sostiene il dg biancoazzurro e a riprendere la strada verso l’obiettivo".

Il tecnico Lucenti si è subito addossato le sue responsabilità ma, alla ripresa degli allenamenti, vorrà stimolare i suoi ragazzi a cambiare atteggiamento per non vanificare quanto di buono fatto finora. Sabato prossimo, infatti, ci sarà da affrontare un’altra gara importante contro lo Sporting Augusta e le probabili assenze di Jatta e Alma rendono più difficoltosa la pronta reazione.