Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 24 Novembre 2017 - Aggiornato alle 0:31 - Lettori online 402
SANTA CROCE CAMERINA - 08/11/2017
Sport - Calcio, Promozione: la squadra di Lucenti torna in casa dopo 2 trasferte consecutive

S. Croce incompleto affronta il Real Siracusa al "Kennedy"

Il tecnico raccomanda attenzione ai suoi e spera di recuperare qualche titolare Foto Corrierediragusa.it

Il Santa Croce ha ripreso gli allenamenti in vista della gara interna di sabato contro il Real Siracusa. La squadra allenata da Gaetano Lucenti (foto) dopo la doppia trasferta contro l’Erg Siracusa e il Megara Augusta, ritorna fra le mura amiche affrontando una formazione temibile non fosse altro perchè nella scorsa stagione impose ai biancazzurri una sconfitta interna. Il tecnico Gaetano Lucenti sarà alle prese con problemi di formazione in quanto mancheranno ancora alcuni giocatori importanti nello scacchiere biancazzurro. La squadra, intanto, sabato scorso ha disputato al «Kennedy» una gara amichevole contro la formazione del Pro Ragusa che milita in Prima categoria. Il trainer biancazzurro visto il week end di riposo a causa delle elezioni regionali, ha voluto far mantenere il ritmo gara ai suoi uomini e ne è uscita fuori una partita gradevole dal punto di vista spettacolare che è terminata con il punteggio di 6-3 per i biancazzurri locali.

«Dobbiamo stare sempre in tensione agonistica, senza mollare di un solo centimetro. –dice Gaetano Lucenti– Dalle due trasferte disputate consecutivamente abbiamo tirato fuori quattro ottimi punti che comunque ci hanno fatto allontanare dalla squadra battistrada che continua a camminare spedita. Nonostante tutto dobbiamo stare tranquilli, cercando di lavorare al massimo per arrivare pronti a disputare le gare. Sabato avremo da affrontare una squadra forse non importante, ma, particolarmente temibile e molto imprevedibile. Spero di recuperare qualche giocatore in più ma, se così non fosse, i sostituti, sono convinto, non faranno rimpiangere gli eventuali assenti».