Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 24 Novembre 2017 - Aggiornato alle 0:31 - Lettori online 564
SANTA CROCE CAMERINA - 07/10/2017
Sport - Calcio, Promozione: terzo successo consecutivo della squadra di Gaetano Lucenti

S. Croce non dà scampo al Motta, è tripletta secca

I apdroni di casa non hanno risenttio dell’impegno infrasettimanale di Coppa Italia Foto Corrierediragusa.it

S. Croce-F.C. Motta: 3 – 0
Marcatori: 32’pt Scudera, 7’st Leone, 45’st Fiore

S. Croce: Campo, Jatta, Marino, Gurrieri (8’st Fiore), Alma, Famà, Di Rosa (23’st Hydara), Giarrizzo (41’st Silva), Ravalli, Scudera (32’st Lentini), Leone (35’st Sammartino). All.re Lucenti

F.C. MOTTa S.A.: Sciuto, Guardo, Ensabella (9’st Battaglia), Rugeri (20’st Grillo), Zumbo, Platania, Cocimano (17’st Montalto), Giuffrida, Tosto (39’st Fazio), Picone (32’st Patti), Patanè. All.re Patti

Arbitro: Gambacurta di Enna.
Note. Ammoniti Jatta (SC) e Rugeri (MSA). Angoli 5-0 per i locali. Rec’ 2’e 3’

Terza vittoria consecutiva in campionato del Santa Croce che sembra ormai lanciato a disputare una stagione di vertice. Nella gara contro i biancorossi catanesi, i biancoazzurri hanno dato un esempio di impegno e concretezza sebbene appena 72 ore prima avevano giocato una intensa partita contro il Marina di Ragusa in Coppa Italia. Contro il Motta gli uomini di Lucenti non hanno risparmiato energie anche se non ci si poteva aspettare da loro grandi fluidità e tante azioni manovrate. I gol sono venuti da sapienti giocate dei singoli ma il risultato ci sta tutto anche perché gli avversari sembrava avessero impostato la gara nel contenimento e nelle ripartenze. Nel taccuino del cronista non compare infatti alcuna occasione da rete dei biancorossi ospiti se si eccettua al 37’ del primo tempo un tiro dal limite di Rugeri che sfiorava la traversa.

Solo Santa Croce quindi che ha dato la sua impronta alla gara superando gli avversari nella velocità, nel controllo del centrocampo e, come detto, nelle capacità tecniche dei vari Leone, Scudera, Ravalli e Fiore. Dopo mezz’ora di gioco, tutto di parte biancoazzurra, con diverse occasioni sotto porta avversaria, al 32’ dalla solita battuta laterale lunga di Ravalli la sfera giungeva a Scudera che controllava, scartava un avversario e insaccava. Gioia per il centravanti gelese che finalmente segnava il primo gol in campionato. Al 39’ Leone in area tirava quasi a colpo sicuro ma il portiere deviava in angolo. Nella ripresa al 7’ il portiere ospite scivolava al limite dell’area trascinandosi la sfera fuori dall’area di rigore. Punizione. Tirava Leone che superava la barriera e insaccava. Il Santa Croce dilagava aumentando la pressione e confezionando altre palle gol come al 24’ ancora con Leone che sotto porta tirava di prima con la palla che si stampava sotto la traversa. Al 28’ Scudera in area da buona posizione tirava alto. Al 38’ Fiore sferrava un tiro dai 40 metri impegnando Sciuto in una grande parata in angolo. Al 45’ però il centrocampista non sbagliava sparando in rete dal limite dell’area una palla che gli era giunta da tiro da calcio d’angolo. Al 46’ Sammartino sfiorava anche il 4-0.