Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 18 Novembre 2017 - Aggiornato alle 10:36 - Lettori online 792
SANTA CROCE CAMERINA - 26/09/2017
Sport - Calcio, Promozione: contro il Priolo il mattatore è stato ancora Ciccio Leone

S. Croce brinda alla prima vittoria. I giovani danno fiducia

Crescono Scudera, Campo, Gurrieri, Giarrizzo e il giovane Enrico Marino, classe 2000 Foto Corrierediragusa.it

Con la prima vittoria in campionato contro il Priolo (foto) il Santa Croce smuove la classifica e si colloca alle spalle delle formazioni battistrada. Una vittoria arrivata con tanta sofferenza, dovuta in parte al calo fisico per le tre partite in sette giorni disputate dai biancazzurri in parte per una perdita di concentrazione in quanto si era quasi ritenuta vinta la gara vista la media qualità che gli avversari avevano mostrato nel primo tempo. Una scossa quindi salutare ma che deve comunque consentire ai biancoazzurri allenati da Lucenti di fare tesoro dell’esperienza vissuta e organizzarsi per affrontare situazioni del genere che si riproporranno quasi certamente ad ogni giornata. La gara di sabato scorso ha confermato oltre che la sostanza della rosa, che ha in Ciccio Leone la sua punta di diamante, anche la crescita dei vari Scudera, Campo, Gurrieri, Giarrizzo e del giovane Enrico Marino, classe 2000, che mostra sempre più le qualità di un veterano. Il tecnico inoltre ha avuto modo di verificare il grande apporto arrivato dalla panchina dagli ingressi di Hydara, Silva, Sammartino e Lentini, con quest’ultimo che ha siglato la sua prima rete in campionato.

Il trainer biancazzurro invita tutti a rimanere con i piedi per terra.» Abbiamo ottenuto i primi tre punti, ma abbiamo solo vinto la prima battaglia di una lunga stagione che durerà otto mesi. Dobbiamo essere lucidi e realisti, ma, soprattutto umili nell’analizzare una gara che ancora una volta ci ha visti in difficoltà. Domenica scorsa ho visto molti miglioramenti, sebbene dobbiamo ancora lavorare su molti aspetti, sfruttando l’opportunità di avere una rosa di diciotto giocatori che mi aiuta a cambiare le gare in corso d’opera. Il mio pensiero adesso – rileva il tecnico biancoazzurro - è proiettato alla gara di domenica prossima contro il Floridia che ha una squadra importante e gioca in un campo in terra battuta, fondo che ogni volta ci mette in difficoltà. in settimana lavoreremo quindi per cercare di superare questo gap».