Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 975
ROMA - 20/11/2015
Sport - Il centrocampista passerà agli annali come uno dei migliori calciatori italiani

Pirlo si ritira in estate? Attività non garantita per Euro 2016

La sua nomination al Pallone D’Oro, in questa fase, sembra forse più un omaggio ai suoi trascorsi in Europa che un riconoscimento del suo attuale talento Foto Corrierediragusa.it

All’inizio di questo mese, è stato svelato il lungo elenco di nomination anticipate per il Pallone D’Oro. Non sono mancate le sorprese, tra cui la presenza del nome di un calciatore ben noto e amato dai tifosi italiani per la sua bravura e il suo stile.

L´elenco, sorprendentemente, includeva anche il nome di Andrea Pirlo. Il dinamico centrocampista passerà agli annali come uno dei migliori calciatori italiani di tutti i tempi, ma, all’età di 36 anni, e ora giocatore della Mls negli Stati Uniti, non rientra più tra i giovani. Resta comunque un giocatore produttivo e il suo passaggio nella MLS può aver avuto un senso per Pirlo perché il livello inferiore di talento generale dovrebbe permettergli di sopravvivere un po’ più a lungo di quanto avrebbe potuto fare in Serie A. Ma la sua nomination al Pallone D’Oro, in questa fase, sembra forse più un omaggio ai suoi trascorsi in Europa che un riconoscimento del suo attuale talento. Nessuno ha l’impressione che Pirlo possa legittimamente vincere il premio questa volta, ma la sua presenza nell’elenco, alla sua età, serve a valutare in prospettiva la sua carriera. E, in parte, ciò significa ovviamente chiedersi quando si concluderà la carriera dell’ex-star juventina. A livello di club, Pirlo dovrebbe restare in attività per almeno un altro anno. Il contratto firmato con il club in espansione Nyc Fc  nella Mls la scorsa estate era previsto per una durata di 18 mesi e Pirlo è convinto di portarlo a termine. Alcuni hanno definito come deludente la sua performance a New York, ma Pirlo resta comunque attivo nella maggior parte delle partite che ha giocato con il Nyc Fc. Continua, inoltre, a mostrare sprazzi di brillantezza fuori dal centrocampo. Giocare su un campo di dimensioni un po’ più piccole nello Yankee Stadium, ad ogni modo, non favorisce la sua creatività e il gioco della Mls in sé gli è sicuramente meno familiare. Tuttavia, c’è indubbiamente un elemento di calo comprensibile dovuto alla sua età; Pirlo non copre il campo come i tifosi erano abituati a vederlo fare. È molto difficile da analizzare nella Mls, ma il peggioramento della forma di Pirlo si è reso evidente anche a livello nazionale. Questo ha fatto sì che la questione su chi lo potrebbe sostituire in centrocampo sia diventata un argomento di discussione molto gettonato.

L’attività di Pirlo potrebbe non essere garantita per l’Euro 2016, in particolare dopo lo scarso risultato ottenuto durante una vittoria conquistata di misura contro il Malta a settembre. Nonostante il centrocampista sia stato nominato nella squadra per Euro 2016 dove sicuramente ricoprirà il suo incarico in qualche modo, questa potrebbe essere l’ultima volta che giocherà in un ruolo così importante. Per quanto riguarda invece chi potrebbe sostituire Pirlo nel centrocampo italiano, è chiaro che non c’è nessuno in grado di ricoprire questo ruolo. Pirlo possiede un’eredità senza pari per quanto riguarda l’aspetto nazionale italiano. Chiunque prenda in mano il suo ruolo dovrà far fronte a una forte pressione, per non parlare dello sviluppo di una nuova eredità. Ma un nome si sta già affermando con una certa regolarità a livello popolare: si tratta del giovane centrocampista del Psg Marco Verratti che sembra essere all’altezza, secondo il parere dell’ex-attaccante del Milan Marco Simone e di parecchi tifosi che sono ansiosi di vedere l’Italia guardare avanti. Verratti dovrà seguire un periodo di apprendimento se e quando si assumerà la responsabilità di subentrare a Pirlo, ma ha le capacità e la predisposizione per crescere. 

Tenuto conto di tutto ciò, potrebbe essere il momento di iniziare a pensare a Euro 2016 come a una sorta di giro di addio per Pirlo, perlomeno a livello internazionale. La sensazione è che sarà il benvenuto per tutto il tempo che vorrà continuare a essere protagonista, ma, a 36 anni, potrà godere di un elegante addio passando le consegne durante il torneo a una giovane promessa come Verratti.