Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 640
RAGUSA - 27/06/2010
Sport - Pallavolo: il torneo organizzato dal comitato provinciale di Ragusa della Federvolley

Il "Quattro nazioni" con Italia, Slovenia, Russia e Serbia

La sesta edizione vedrà in campo alcune tra le maggiori squadre del mondo Foto Corrierediragusa.it

Luglio di grande pallavolo grazie al Torneo «Quattro Nazioni», organizzato dal comitato provinciale di Ragusa della Federvolley. Dopo un passato (dal 95 al ´99) di successi, il trofeo riprende un´ammirata tradizione, proponendosi anche come una nuova prova di affetto verso uno sport in forte crescita, come praticanti e come richiamo sul pubblico.

La sesta edizione del «Quattro Nazioni» vedrà in campo alcune tra le maggiori squadre del mondo: le nazionali juniores femminili di Italia (già campione d´Europa), Slovenia, Russia e Serbia. Ospiti della nostra provincia dal 5 al 19 luglio, le squadre daranno vita a un torneo "mobile" (14/17 luglio), con tappe nei comuni iblei aderenti all´iniziativa e a Gela.

Due serate di gara su quattro avranno luogo in piazza, dopo un allestimento adeguato alla rilevanza dell´evento che comporta la sistemazione delle tribune ed una specifica pavimentazione (taraflex) per la pallavolo. Il soggiorno ragusano delle quattro rappresentative nazionali avrà caratteristiche di collegiale (consueto mix tra allenamenti e incontri) e farà da prodromo alla preparazione per i prossimi campionati del mondo.

Il comitato organizzatore della Fipav ragusana, oltre a provvedere all´ospitalità al Mediterraneo Palace, consentire gli allenamenti giornalieri al Palaminardi e Palapappalardo e garantire gli incontri ufficiali, curerà la complessa logistica (trasferimenti da e per l´aeroporto, spostamenti per gli allenamenti e per le serate con gli incontri in programma). La riproposta del torneo, che da tempo si avvale del supporto di una massiccia campagna pubblicitaria, s´inserisce tra le attività collaterali ai campionati mondiali maschili di Sicilia in settembre.

Sono previste anche varie attività collaterali, tra le quali un corso di aggiornamento per gli allenatori siciliani, che sarà un´occasione di crescita e di confronto. L´appuntamento sarà ospitato nei locali della Scuola regionale dello sport della Sicilia.


LA SODDISFAZIONE DEL PRESIDENTE FIPAV RG MALFITANO
«Sono particolarmente felice che siamo riusciti a riportare la pallavolo di un certo livello in provincia di Ragusa.» Così il presidente del Comitato Provinciale Fipav Ragusa, Nuccio Malfitano, ha voluto salutare la nuova edizione del Torneo 4 Nazioni, organizzato dalla federazione provinciale, che si terrà in provincia di Ragusa e a Gela, dal 14 al 17 luglio, con le Nazionali Juonires dell’Italia già campione d’Europa, della Slovenia, della RussiaA e della Serbia.

«Sarà una quattro giorni di richiamo per tutti gli appassionati di pallavolo – continua Malfitano – non solo per chi risiede in provincia di Ragusa, ma da tutta la Sicilia. Per noi, l’appuntamento con il Torneo 4 Nazioni, vuole essere anche un modo per rilanciare il territorio ibleo sotto il profilo sportivo-turistico. Siamo convinti che la manifestazione avrà una ricaduta molto importante per la provincia. Avere la Nazionale Juniores per noi è momento di orgoglio se pensiamo che le azzurrine arrivano a questo appuntamento da campionesse in carica e difenderanno il titolo nella fase finale che si svolgerà a Naisso e Zrenjanin (Serbia) dal 10 al 19 settembre.»

«Ringrazio – conclude Malfitano - anche il grandissimo lavoro di organizzazione che sta svolgendo per il Comitato Provinciale, per la realizzazione del torneo, Gianni Giurdanella, il quale ha sposato immediatamente la proposta di riportare a Ragusa questo importante evento sportivo pallavolistico, che torna a Ragusa a distanza di den 11 anni.»