Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1316
RAGUSA - 21/04/2009
Sport - Basket B2 femminile

Basket: la Cestitica Ragusa perde a testa alta

La squadra ragusana sconfitta a Messina dalla corazzata Rescifina che ha vinto meritatamente la poule promozione e adesso andrà a fare lo spareggio per andare in B1 Foto Corrierediragusa.it

Rescifina Messina
Morabito n.e., Marchese 5, Sturniolo n.e., Scarci 5, Minuto 19, Dominguez 15, Libro 15, Malaja 6, De Benedictis 15, Lamberto n.e., Zaccone, Sciliberto n.e. All: Malaja.

Cestistica Ragusa
Sicilia, Minardi 13, Cappello, Antoci 11, Schembari 28, Mazzone, Raniolo 9, Maltese 1, Ragusa. All: Tumino.

Parziali: 13/18, 25/33, 47/53.

Arbitri: Visigoti di Messina e Mastroeni di Milazzo (ME)

Uscite 5 falli: Sicilia e Maltese.Espulse: Scarci e Mazzone

Finisce con una sconfitta a testa alta il campionato della Cestistica Ragusa. L’ultima giornata di campionato di B2 femminile ha visto la squadra ragusana uscire sconfitta dal parquet di Messina contro la corazzata Rescifina che ha vinto meritatamente la poule promozione e adesso andrà a fare lo spareggio per andare in B1.

Non lascino ingannare i 18 punti di scarto a fine partita, infatti le biancorosse ragusane hanno condotto la partita fino a 5 minuti dalla fine anche con 15 punti di vantaggio salvo cedere nel finale con 1 pesante break in cui le atlete iblee non hanno potuto opporre alcuna resistenza dato che in campo erano rimaste solo le giovanili a causa dell’uscita per 5 falli di tutte le grandi.

Alla palla a 2 del primo periodo subito infortunio per Mazzone costretta a stare fuori per tutto il primo periodo a causa di 1 botta al naso che l’ha messa ko, nonostante la sua assenza le compagne hanno giocato molto bene riuscendo a limitare il potenziale offensivo delle locali chiudendo così il parziale sul 18-13 in proprio favore nonostante le tantissime decisioni arbitrali molto discutibili.

Il secondo periodo si apre con le ennesime «genialate» dei 2 direttori di gara che per un semplice scontro sotto canestro decide di espellere Mazzone ed una giocatrice locale tra lo stupore generale delle due panchine, del tavolo degli ufficiali di gara e del pubblico civile assiepato sugli spalti del palaNebiolo, in questo periodo Ragusa nonostante sia carica di falli e con Mazzone spedita negli spogliatoi continua a macinare gioco e limita le messinesi, infatti alla sirena che decreta la fine del 2° periodo il punteggio è di 33-25 in favore delle ragusane.

Il 3° periodo è molto combattuto e le squadre in campo si danno battaglia su tutti i fronti, con una buona difesa e tantissima grinta, Messina comincia a pressare e Ragusa che varia la sua difesa di volta in volta dalla 3-2 alla 2-3 limitando molto le giocatrici messinesi riuscendo anche ad arrivare ad 1 vantaggio di 15 punti prima di un contro-break che permetteva alle messinesi di chiudere sul -6, 47-53 alla sirena.

Il quarto periodo finisce subito per le ragusane che pagano la panchina corta e le decisioni scellerate della coppia arbitrale e se per tali decisioni Messina piange con un occhio per la panchina lunga le ragazze ragusane non solo sono costrette quasi a non difendere ma si ritrovano già al 3° minuto con mezza squadra seduta in panca per il raggiunto limite di falli, a questo punto Messina gioca sul velluto e non solo riesce ad agguantare il pareggio al 5° minuto ma nei restanti minuti finali se ne va fino ad arrivare a +20 chiudendo definitivamente la partita sul 80-62, 18 punti di scarto che le ragazze iblee non meritano per come erano andate le cose in 35 minuti di partita.

A fine partita i complimenti delle rispettive squadre e l’augurio da parte delle ragusane alle avversarie di tenere alto il nome della Sicilia e di poter vincere lo spareggio per tornare in B1

Nonostante la sconfitta la Cestistica torna a Ragusa convinta più che mai dell’ottima scelta attuata dai propri dirigenti con a testa il presidente Macinato, scelta che a settembre sembrava ai più scettici sbagliata ma che alla luce dei risultati ottenuti ha messo in mostra il valore delle ragazze del settore giovanile facendole maturare e dandole la giusta esperienza che solo il campo e solo le partite importanti possono dare, non è un caso infatti che nel fine settimana la Cestistica va a giocarsi il titolo regionale Under17 e l’accesso alle finali nazionali.

Quest’anno si è chiuso il campionato di B2 femminile, e le ragusane si sono piazzate al 4° posto, siamo certi che il prossimo anno le ragusane, avendo più esperienza nelle giocatrici più giovani che proprio quest’anno davano l’ossatura alla squadra, faranno di tutto per migliorare questa posizione e perché no anche di provare a fare il salto di categoria, le protagoniste che si sono alternate sui vari parquet dove è stata impegnata la cestistica meritano tutte 1 grandissimo applauso per la loro dedizione alla squadra ed il loro impegno.

La soddisfazione di quest’anno in casa ragusana c’è stata comunque, infatti Veronica Minardi nonostante la sua giovanissima età è riuscita a vincere la classifica marcatori del girone siculo/calabro di B2, risultato che premia gli sforzi della ragazza e corona per lei una stagione molto positiva.

(Nella foto in alto Veronica Minardi)