Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 1059
RAGUSA - 19/04/2009
Sport - Basket femminile: le locali vincono 68 - 57

Basket: Passalacqua Rg archivia la pratica Nipar

Una partita tutta in salita per le ragusane, in avvio nervose ed imprecise al tiro, oltremodo tramortite dalla vigoria fisica delle giovanissime capitoline
Foto CorrierediRagusa.it

Passalacqua Rg - Nipar Roma 68 - 57

Passalacqua: Drago 2, Mazzone 12, Miceli 2, Ballardini 16, Guastella V., Carbone ne, Licitra 1, Linguaglossa 18, Grima 17, Guastella C. ne. All. Leggio.

Nipar: Raveggi 7, Morazio ne, Cianfanelli 15, Corradini 9, Paga 3, Loreti ne, Bernardini, Borsetti 13, Renzetti 10, Carbini. All. Casadio. Arbitri: Giusto e Scarso di Padova.


La Passalacqua Spedizioni non fallisce la gara 1 della semifinale play-off per la promozione in A2 femminile e si prepara al bis in terra romana, sabato prossimo, per chiudere la pratica.

Una partita, però, tutta in salita per le ragusane, in avvio nervose ed imprecise al tiro, oltremodo tramortite dalla vigoria fisica delle giovanissime capitoline, brave ad isolare dal gioco la «lunga» Grima ed a colpire soprattutto dalla distanza. La Nipar chiude il primo tempo sul più 8 (15-23 ) e mena le danze anche nella frazione che precede l´intervallo lungo. E´ il play Ballardini, però, a scuotere le locali che prima del riposo si rifanno sotto (32-33 al 20´).

Si riparte con una Passalacqua ben più tonica e reattiva in difesa (39-36 al 25´), ma le talentuose laziali non mollano (48-46 al 30´). L´ultimo quarto è quello decisivo con Licitra e compagne che premono sull´acceleratore e le ospiti che cominciano ad accusare il colpo. Le star di casa, Mazzone, Linguaglossa e Grima rompono gli indugi e si spezza l´equilibrio (57-48 al 34´): il finale, per la Passalacqua, sempre imbattuta tra le mura amiche, diventa una mera formalità.