Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 17 Gennaio 2019 - Aggiornato alle 23:10
RAGUSA - 07/01/2019
Sport - Calcio, 1A Categoria: classifica accorciata dopo le gare della penultima giornata di andata

Chiaramonte perde con Noto, Comiso risale e avvicina la testa

Tonfi casalinghi del Pro Ragusa con il Per Scicli e della Virtus Ispica con Avola Foto Corrierediragusa.it

Chiaramonte incassa a seconda sconfitta del campionato, il Comiso risale. Sono i dati più rilevanti della penultima giornata di andata che ha rimesso in discussione le posizioni delle prime in classifica. Il Chiaramonte perde per la prima volta in casa ed è il Noto a prendersi i 3 punti grazie a due gol di Scalora nella ripresa. Gli azzurri di casa hanno chiuso la gara in 9 per la doppia espulsione prima di Nei e poi di Cassarino e sono apparsi molto nervosi. La sosta ha portato male alla squadra di Fabio Citronella che resta comunque prima a 28 punti perché il Mazzarrone ha perso in casa contro il Comiso.

E’ dei verdearancio (nella foto il gruppo) l’impresa della giornata visto che hanno violato il campo di una squadra che si è arresa davanti a 600 spettatori ed ha dovuto registrare la prima sconfitta stagionale. E’ stata una gara equilibrata con il portiere comisano Annese protagonista. Nel primo tempo ha sventato due tiri pericolosi ed ha poi parato un rigore al 30’ calciato da Carobene per un fallo di Secondo. Nella ripresa il Comiso si scuote e segna al 25’ con un pallonetto dii Dipasquale. La squadra di Violante ha avuto almeno altre due occasioni per raddoppiare. La prima vittoria esterna del Comiso rilancia i verdearancio a 4 punti dal Chiaramonte e riapre il campionato.

Deludenti i risultati di Pro Ragusa affondato in casa dal Per Scicli. Due gol di Antonio Occhipinti ed una di Davide Occhipinti nella ripresa confermano lo stato di crisi dei neroverdi fermi a quota 13 in piena zona play out. Fa peggio la Virtus Ispica battuta in casa dall’Avola. Randazzo mette a segno un gol per tempo ed i giallorossi di Vaccaro non sanno reagire.