Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 23 Settembre 2018 - Aggiornato alle 20:53
RAGUSA - 13/09/2018
Sport - Calcio, Promozione/D: si gioca sabato all’Aldo Campo, tesserato il portiere Cavone

Ragusa appuntamento con la vittoria, presidente bacchetta tifosi

La società multata di 300 euro per sputi ad un collanboratore del’arbitro domenica scorsa Foto Corrierediragusa.it

Il Ragusa anticipa all’Aldo Campo (sabato 15.30). Si tratta dell’esordio casalingo in campionato e gli azzurri puntano senza termini alla vittoria. La Barrese è poca cosa rispetto all’intelaiatura azzurra ma Raciti mette in guardia e chiede concentrazione. In casa azzurro è arrivato il portiere Peppe Cavone, l’anno scorso al Marina di Ragusa. Cavone farà da secondo ad Aglianò e darà ulteriore esperienza al gruppo. La società è alla ricerca di qualche altro rinforzo visto che la rosa è ridotta all’osso per il perdurante ritardo nell’arrivo del transfer per i 3 stranieri, Gargiulo, Valencia e Mogni. Il pari esterno di Pozzallo non è solo costato 2 punti ma anche 300 euro di multa alla società per il comportamento dei tifosi al seguito (foto) nei confronti del collaboratore di linea dell’arbitro.

Il presidente Nicolò D’Amico non ha gradito ed ha lanciato un preciso messaggio alla tifoseria: «Vorrei fare una riflessione semplice e allo stesso tempo illuminante, proprio adesso che siamo ancora nella fase iniziale del campionato. Ringrazio di cuore tutte le persone che ci sostengono, gli ultras che si seguono da vicino e che fanno sentire il loro appoggio alla squadra. Allo stesso tempo condanno con forza chi si rende protagonista di atteggiamenti esecrabili come gli sputi verso altre persone. Un modo di fare che non ci appartiene e che non deve appartenere a nessuno delle persone che vogliono bene al Ragusa Calcio 1949. Quindi, protestare fa parte del diritto del tifoso e dello spettatore ma in maniera civile. Essere multato per una cosa del genere, sinceramente mi dispiace, e moltissimo, e spero che episodi del genere non debbano più ripetersi. Invito, dunque, i nostri tifosi ad evitare di manifestare il loro tifo in una maniera a dir poco mortificante per chi riceve lo sputo ma anche per chi compie questo gesto. Vogliamo fare passare un messaggio chiaro che è quello della correttezza a tutti i livelli. Fare sport significa anche esaltare determinati valori. E con la scommessa Ragusa Calcio 1949 vogliamo provarci in tutte le direzioni».