Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 21 Novembre 2018 - Aggiornato alle 17:53
RAGUSA - 11/09/2018
Sport - Automobilismo: la 23ma edizione organizzata dal Veteran Car Club Ibleo

Autogiro Ragusa in 3 tappe: vince la coppia Ruggio Lo Nardo

A bordo di una Fiat 1100 del 1956, in gara anche una Giulietta della Polizia di Stato Foto Corrierediragusa.it

La coppia Ruggio-Lo Nardo (foto), su Fiat 1100/103 E del 1956, si è aggiudicata aggiudicata la 23ma edizione della rievocazione storica dell’Autogiro della provincia di Ragusa. L’equipaggio vincitore, durante le tre prove di abilità, tenutesi in via Mons. Rizzo a Ragusa, in corso Umberto a Modica e in via Monelli a Ibla, ha totalizzato il numero minore di penalità conquistando l’ambito trofeo messo in palio dal Veteran Car Club Ibleo. I vincitori sono stati premiati dal presidente del Veteran, Antonino Provenzale, a nome di tutto il direttivo. In seconda posizione si è classificata la Lancia Ardea, immatricolata nel 1952, del duo De Simone-Lo Nardo, che ha ottenuto un punteggio complessivo di 397, quindi superiore ai 298 netti del primo classificato (un numero inferiore di penalità). Sono stati premiati dal consigliere federale Agnese Di Matteo. Sul gradino più basso del podio, poi, l’equipaggio Papa-Papa a bordo di una Ferrari 328 Gts del 1988. Il trofeo è stato consegnato dal delegato dell’Asi Stefano Cerrone. Al quarto posto Tarantino-Fiore su Lancia Fulvia Coupe 1.3 del 1973, quinta posizione per Amico-Barbone su Lancia Beta del 1981.

Tra le auto storiche che hanno partecipato alla manifestazione organizzata dal Veteran Car Club Ibleo, la Giulietta della Polizia di Stato della polizia ha riscosso parecchia curiosità non solo tra i più piccoli ma anche negli adulti, i quali hanno chiesto ed ottenuto dagli agenti ogni informazione riguardo al suo utilizzo nei servizi istituzionali, tra la metà degli anni ‘50 ed i primi anni ’60, oltre che sulle sue caratteristiche tecniche. In particolare, la curiosità del pubblico si è soffermata, soprattutto, sul colore amaranto della Giulietta, considerata erroneamente un’auto storica «civetta» della polizia. E’ stato invece spiegato dall’equipaggio che le «Volanti» della Polizia di Stato fino al 1960 erano contraddistinte dal colore amaranto e che dopo tale data, e fino al 1981, venne utilizzato il colore grigio verde.