Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 21 Agosto 2018 - Aggiornato alle 14:59
RAGUSA - 10/06/2018
Sport - Calcio, Eccellenza: il gruppo dirigente si è presentato alla città

Parte il Ragusa con il gruppo dirigente del presidente D´Amico

La società punterà al ripescaggio in Eccellenza e riorganizzerà il settore giovanile Foto Corrierediragusa.it

Una Ragusa tutto nuovo. La nuova dirigenza si è presentata alla città ed ha illustrato il suo programma. In prima fila il presidente Nicola D’Amico che nonostante i suoi oltre 30 anni nel calcio, da Riposto ad Aci S. Antonio ed Acireale, conserva entusiasmo e voglia di fare. L’imprenditore acese ha scelto il capoluogo ibleo per ripartire dopo l‘esperienza negativa di Acireale ed ha portato con sé una squadra motivata di fedelissimi. «Mi sento carico, spero di fare bene e di riportare Ragusa alla ribalta. Ho voglia di fare calcio e di vincere. Ci proveremo». D’Amico ha rassicurato tutti ribadendo che la sua non è un avventura ma un progetto a medio-lungo termine, che parte dal basso e principalmente dai giovani e vuole essere trasparente al massimo. «Non ci sono secondi fini in questo progetto –ha detto il presidente- Sarà una gestione improntata alla trasparenza e con bilanci pubblici perché tutti possano avere contezza della gestione della società. Il mio impegno sarà al massimo perché voglio porre le basi per fare grande questa società».

Insieme a D’Amico il suo vice Arturo Barbagallo, il segretario generale Alessandro Ragonesi, il responsabile del settore giovanile Orazio Ursino, il direttore sportivo, Santo Palma e Vincenzo Appiano, unico indigeno del gruppo dirigente, che si occuperà dei rapporti con il territorio. Alessandro Ragonesi ha parlato della questione ripescaggio. Un obiettivo che la società intende perseguire per restare in Eccellenza. «Non è facile – ha detto Santo Palma- al momento c’è solo un posto ma prima del 15 luglio potrebbero crearsi altri posti e Ragusa ha tutti i numeri per essere ripescato».

L’accento del presidente e dei suoi collaboratori è caduto sull’importanza della scuola calcio e del settore giovanile. Il Ragusa sarà presente nei campionati Giovanissimi, Allievi e Juniores con squadre che dovranno essere il serbatoio naturale della prima squadra. Al momento sono prematuri i programmi tecnici perché tuto dipenderà dalla categoria in cui gli azzurri militeranno. Se sarà Promozione la squadra sarà attrezzata per vincere ma in Eccellenza si cercherà di far bene e puntare in alto. Nicola D’Amico ha buone intenzioni, idee chiare ed i tifosi gli hanno dato credito. Le premesse per fare bene ci sono tutte ma nel calcio due più due non fa sempre quattro.

(foto: da sin. Ragonesi, Appiano, Barbagallo, D´Amico, Palma, Ursino)