Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 22 Luglio 2018 - Aggiornato alle 18:40
RAGUSA - 12/04/2018
Sport - Basket, A1: le prime 2 partite delle semifinali play off si giocheranno al PalaTaliercio

Passalacqua si conferma al top ed attende la sfida con Venezia

Contro S. Martino in gara 2 le biancoverdi hanno dato dimostrazione di forza e tecnica Foto Corrierediragusa.it

Per il quinto anno consecutivo su altrettanti campionati di A1 la Passalacqua si regala la semifinale. Giocherà contro Venezia al meglio delle cinque partite ma, comunque vada, il traguardo conferma la società ragusana nell’elite della pallacanestro nazionale. Non è un caso che coach Recupido dica: «Siamo lì dove dovevamo stare». Ora ci sarà un’altra sfida da affrontare contro un Venezia con tante ex, a cominciare da Walker, Little e Williams, e con una ossatura da grande squadra. Il vantaggio per le ragusane può essere il ritorno della finale di Eurocup che Venezia deve giocare mercoledì prossimo contro Galatasaray prima di rituffarsi in clima play off. La Passalacqua dal suo canto arriverà con meno acido lattico sulle gambe perchè avrà otto giorni per preparare la doppia fida in programma al PalaTaliercio. Sabato 21 3 a seguire lunedì 23. Gara 3 è in programma al PalaMinardi giovedì 26, eventuale gara 4 sempre sul parquet ragusano sabato 28 e gara 5 lunedì 30 ancora in trasferta a Venezia. Dice ancora il tecnico biancoverde: "Con Venezia mi aspetto partite molto intense, difficili ma anche equilibrate. Non sarà facile né per l’una né per l’altra squadra. Venezia in ogni caso ha un tasso tecnico che non si discute».

E’ successo mercoledì:
Fila S. Martino di Lupari-Passalacqua Ragusa: 53-72 (12-24, 24-35, 36-57)

Fila S. Martino di Lupari: Oroszova 9, Mahoney 16, Filippi2, Bailey 6, Gianolla 8; Tonello, Fassina

Passalacqua Ragusa: Consolini 14, Soli, Hamby 10, Kuster 19, Ndour 20; Gorini 2, Spreafico 3, Formica2, Bongiorno 2


La Passalacqua rende tutto più facile. Una partenza sprint indirizza subito il match contro S. Martino a favore delle aquile e la partita diventa tutta in discesa. C’è voluto un quintetto concentratissimo e determinato per portare a casa gara 2 ed evitare la terza partita. Ora c’è Venezia ma soprattutto una settimana di tempo per recuperare le batterie. E’ stata una prestazione impeccabile da parte delle biancoverdi che hanno eseguito alla perfezione i piani di coach Recupido. Velocità, pressing e difesa abbottonata. S. Martino non ha mai trovato spazio e soprattutto facilità per andare al tiro. Alta la percentuale dei tiri sbagliati dalle venete mentre, di contro, la Passalacqua ha portato ben 4 giocatrici in doppia cifra.

Ha brillato Chiara Consolini autrice di pregevoli tiri da tre in fasi delicate dle match. Ndour, Kuster ed Hamby hanno messo i mattoni giusti per costruire una vittoria meritatissima come dice il punteggio finale. Un divario di ben 19 punti, ma che nel terzo tempino ha toccato anche un +25 a conferma dell’assoluto dominio ragusano. Per coach Recupido la conferma che la squadra dal punto di vista atletico c’è, è in forma e può contare su un sistema di gioco efficace. Le lupe si sono dovute arrendere allo strapotere ragusano ed hanno chiuso in modo mesto la loro stagione davanti al loro pubblico. Per la Passalacqua ora comincia la lunga sfida al meglio di 5 gare con Venezia, reduce dalla pesante sconfitta con Galatasaray nella finale di Eurocup.