Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 20 Giugno 2018 - Aggiornato alle 23:31
RAGUSA - 13/03/2018
Sport - Calcio, Eccellenza/B: solo quattro giornate alla fine, l’Adrano si è ritirato

Ragusa senza speranze, società abbandonata e inesistente. Restano solo i giovani

Il direttore sportivo Santo Palma ha ringraziato e si è dimesso Foto Corrierediragusa.it

Manca solo la matematica ma il Ragusa è ormai spacciato. La sconfitta contro il S. Pio X (nella foto azione sotto porta del Ragusa) e la contemporanea vittoria dell’Atletico Catania con l’Avola condannano gli azzurri alla retrocessione. Una stagione disgraziata cominciata male e finita peggio come si è visto domenica. Al contrario di quanto annunciato non c’era l’allenatore, non c’era il direttore sportivo, non c’erano i titolari o parte di essi. Gli juniores hanno salvato la faccia ma tutto il resto non esiste dopo che Franco Pluchino ha dichiarato ufficialmente di essersi tirato indietro. La confusione comunque permane perché lo stesso Pluchino risulta ancora il referente della società e non ne fa mistero. Ha fatto invece chiarezza il direttore sportivo Santo Palma che ha rassegnato le dimissioni ed ha salutato tutti dopo appena tre mesi dal suo arrivo.

I giocatori, dal loro canto, non ne vogliono più sapere e chiedono il saldo delle loro spettanze, lo stesso tecnico non sa che pesci pigliare. Ha lasciato tutto nelle mani dell’allenatore degli juniores ma nel contempo ha seguito la partita a bordo campo. Il Ragusa attende ormai solo la fine del campionato e solo dopo si capirà dove vuole andare e cosa si vorrà fare. A quattro turni dalla fine del campionato ci sono solo tre partite da giocare visto che la quarta è contro l’Adrano che si è ritirato e pertanto non si giocherà. Restano le due trasferte sui campi di Giarre e Paternò e l’ultimo turno da giocare in casa contro la capolista Città di Messina. Un po’ troppo per gli juniores azzurri che stanno facendo fino in fondo il loro dovere ed i cui sforzi sono essenziali per salvare almeno la società dal fallimento e dalla perdita del titolo.

E’ successo domenica:
Ragusa-S. Pio X: 1-3
Marcatori: 16’pt Badje, 24’ pt Ranno, 25’st Ranno, 29’st Vicari

Ragusa: Cilmi, Lo Iacono, G. Bellina, Angelinetti, Sillah, La Vaccara, Saraceno (14’st A. Bellina), Macca (40’st Burrafato), Vicari, Baki, Manfrè

S. Pio X: Romano, Abdullaje, Di Salvo, Santanna, Cannone, Spitaleri, Romeo, Garufi, Abate, Messina, Badje

Arbitro: Comito di Messina


Ennesima batosta per il Ragusa che vede naufragare le già esili speranze di salvezza. In campo contro i biancorossi del S. Pio X (foto) sono andati gli juniores perché nessuno, tranne Manfrè, dei titolari è rientrato nei ranghi. In panchina non c’era nemmeno l’allenatore Filippo Raciti che negli scorsi giorni si era prodigato in dichiarazioni rassicuranti. Il Ragusa è ormai una nave in balia di nessuno e bisogna dare solo atto ai giovanissimi andati in campo di avere lottato e giocato al meglio delle loro possibilità. Una squadra inesperta ed acerba, con limiti tecnici, ma volenterosa. Gli azzurri hanno corso per tutti i 90’, hanno sbagliato un rigore, un paio di ottime occasioni e sono anche andati in gol. Non si può chiedere di più ad un manipolo di giovani che per fortuna la società si è ritrovata nel momento più buio. Per il S. Pio X non è stata dunque una gara in discesa ad onta dei tre gol segnati.

Il gol di Badje dopo appena 16´ su respinta corta di Cilmi ha messo la gara sul binario giusto. Poi al 23’ Manfrè ha la palla buona per il pari. Il pallone del rigore, concesso per trattenuta su Vicari, viene sparato alto e subito dopo i catanesi ospiti raddoppiano con Ranno. L’estremo raccoglie palla su rinvio lungo del portiere e beffa Cilmi in uscita. Il Ragusa annaspa ma non affonda. Nel secondo tempo occasioni ancora per Manfrè e Vicari che sbagliano da buona posizione. Al 25’ ancora Ranno segna su servizio dalla destra di Garufi. Poi il gol della bandiera su iniziativa di Manfrè che fa filtrare un pallone per Vicari che scarta il portiere e segna a porta vuota. Gli azzurri escono dal campo a testa alta, applauditi dai circa trenta tifosi presenti sugli spalti.

I risultati della 11ma giornata di ritorno (10 marzo 2018):
Camaro-Adrano:3-0 (per rinuncia)
Atl. Catania-Avola:3-1
Biancavilla-Città di Messina:0-1
Ragusa-S. Pio X:1-3
S. Agata-Giarre:2-1
Scordia-Rosolini:1-0
Pistunina-Paternò:0-1
Real Aci-Paternò:2-0

La classifica
Città di Messina 66
S. Agata 57
Scordia 55
Biancavilla 54
Camaro 53
Paternò 48
Giarre 45
Rosolini 42* (Una partita in meno)
S. Pio X 33
Pistunina 25
Real Aci 22
Caltagirone 22
Avola 16
Atl. Catania 15 (-1) (una partita in meno)
Ragusa 12
Adrano 9