Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 20 Luglio 2018 - Aggiornato alle 23:40
RAGUSA - 27/02/2018
Sport - Calcio, Eccellenza/B: gli azzurri ritornano nella zona retrocessione diretta insieme all’Adrano

Ragusa senza futuro, Raciti: "Solo un miracolo ci può salvare"

La squadra si è battuta in campo contro il Real Aci ma i iocatori potrebbero ripensare le loro posizioni Foto Corrierediragusa.it

«Solo un miracolo ci può salvare». Filippo Raciti è onesto nell’analisi del momento che vive il Ragusa. La sconfitta interna contro il Real Aci ha compromesso tutto e mette in discussione il prosieguo delle altre sei giornate di campionato. Tutto da verificare che la trasferta di Caltagirone possa essere affrontata da un gruppo che è sceso in campo per onorare la maglia con Atletico Catania e Real Aci e perché sapeva di potersi giocare la permanenza in Eccellenza. Dice ancora il tecnico: «A questo punto non si sa che cosa può succedere. Troppe le difficoltà e le situazioni rimaste ancora in sospeso. Le prossime ore risulteranno decisive rispetto alle decisioni che il gruppo finora sceso in campo prenderà. Resta soltanto un grande amaro in bocca per l’accavallarsi di una serie di circostanze che hanno favorito questa caduta nel precipizio».

La squadra potrebbe ripensare la propria posizione anche perché lo scollamento tra giocatori e presidente è evidente a causa delle promesse non mantenute dei pagamenti. E´ evidente che il progetto che Franco Pluchino voleva pportare avanti è stato troppo grande per le sue risorse e che le promesse e gli impegni di quanti avevano assicurato il sostegno alla società si sono dimostrati senza nessuna consistenza gettado nel baratro la società. che Eppure la squadra si è battuta ed ha lottato ma alla fine emergono i limiti non solo tecnici ma anche fisici visto che gli allenamenti sono da tempo una opzione e il clima non è sereno per affrontare la fase più importante del campionato.

E’ successo domenica:
Ragusa-Real Aci: 0-1
Marcatore: 13’st Mammone

Ragusa: Di Martino, Criscione, Russo, Angelinetti, Caruso, Priola, Sillah (5’st Marchese), Ascia, Manfrè, Zangara, Chiarenza

Real Aci: Nicostra, Sorbello (16’st Reitano) Patanè, Leandro, Bisicchia, Tornatore, Razà, Licata, Finocchiaro, Costa (18’st Omar), Mammone

Arbitro: Salerno di Catania
Note: al 42’ espulsi Caruso e Bisicchia per reciproche scorrettezze


Il Ragusa perde e ritorna in zona retrocessione diretta. Gli azzurri si sono battuti su un campo allentato e davanti ad una cinquantina di tifosi ma è stato il Real Aci ad avere le migliori occasioni e soprattutto a segnare il gol decisivo. Per la squadra di Filippo Raciti solo un palo al 12’ del primo tempo e poi tanto pressing senza sbocchi soprattutto nell’ultimo quarto d’ora quando i giocatori hanno premuto sull’acceleratore per conquistare almeno il pari. Niente da fare e situazione che è ritornata pesantissima in casa azzurra anche se c’è da prendere atto della disponibilità, della voglia di battersi della squadra ormai in piena frattura con il presidente Franco Pluchino per la questione stipendi. La partita con il Real Aci poteva essere quella della risalita ma così non è stato a tuto vantaggio degli acesi.

Nel primo tempo partita equilibrata con il palo di Manfrè a portiere battuto dopo 12’, poi un’occasione per Costa sventata bene da Di Martino. Ripresa più movimentata già dal 1’ quando Manfrè si invola ma calcia fuori da buona posizione. Al 13’ il gol che decide. Mammone riceve in area, si beve un paio di avversari e lascia partire un diagonale basso che beffa Di martino. Il Ragusa non ci sta e preme, Priola si porta in avanti ma non arrivano palle buone, Anzi è Licata ad avere una palla invitante in area ragusana ma la spreca. Al 42’ scambio di «cortesie» in area acese tra Caruso e Bisicchia; per entrambi l’arbitro decreta l’espulsione. Allo scadere Omar si invola in contropiede ma il suo tiro sfiora il palo con Di Martino ormai battuto.

I risultati della nona giornata di ritorno (25 feb. 2018):
Avola-Città di Messina:0-2
Camaro-S. Pio X: 1-0
Atl. Catania-Rosolini: Rinviata
Biancavilla-Adrano:12-0
Ragusa-Real Aci:0-1
S. Agata-Caltagirone::1-1
Scordia-Paternò:2-0
Pistunina-Giarre:0-2

La classifica:
Città di Messina 62
Biancavilla 54
S. Agata 51
Scordia 51
Camaro 49
Giarre 44
Paternò 42
Rosolini 40*
S. Pio X 30
Pistunina 22
Caltagirone 19
Real Aci 16
Avola 16
Atl. Catania 12* (una partita in meno) (-1)
Ragusa 12
Adrano 9 (-2)