Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 25 Giugno 2018 - Aggiornato alle 9:53
RAGUSA - 20/02/2018
Sport - Calcio, Eccelenza/B: i 3 punti con Atl. Catania consentono di lasciare l’ultimo posto

Ragusa fa un passo avanti, ma il futuro resta in bilico

La vittoria di domenica non deve illudere, tutti i problemi sono ancora sul tappeto Foto Corrierediragusa.it

E’ ritornata la fiducia ma non tutto è risolto. Anzi bisognerà stare moto attenti come sostiene lo stesso allenatore Filippo Raciti ritornato in panchina: «Contro l’Atletico Catania dal punto di vista tecnico mi pare ci sia poco da dire. Avevamo un paio di assenti, infortunati. Per il resto, tutti hanno risposto alla nostra chiamata di onorare nella maniera migliore la maglia azzurra, rispettando la città, i nostri tifosi che continuiamo a ringraziare per il loro impegno e tutti coloro che si sono adoperati per farci sentire in qualche modo la nostra vicinanza. Rispetto ai problemi che erano emersi e che abbiamo evidenziato con forza, nulla è stato risolto. Ma ieri ci interessava soltanto portare in alto il nome calcistico di Ragusa. E per fortuna ci siamo riusciti. Ringrazio i ragazzi che hanno dimostrato di essere attaccati ai colori societari. E ringrazio i sostenitori che ci hanno dato fiducia. Noi proveremo a fare la nostra parte sino in fondo».

I 50 tifosi che nonostante tutto hanno assistito alla partita possono solo confortare ambiente e giocatori ma è chiaro che in una situazione di estrema precarietà non basta e serve ben altro come dice il capitano Armando Di Martino (foto): «E’ stata la partita più delicata che abbiamo affrontato dall’inizio della stagione siamo andati incontro a parecchie avversità da agosto ad ora. Ma nonostante tutto io e i miei compagni di squadra non abbiamo mai mollato la presa. Abbiamo cercato di fare vedere a tutti che a questa squadra ci teniamo. Vorremmo che tutti facessero la loro parte sino in fondo e che la Ragusa calcistica si risvegliasse. Possibile che questa realtà non interessi a nessuno? Noi ce lo chiediamo e lo chiediamo a tutti i ragusani. Sono convinto che una soluzione potrà essere trovata soltanto se se ne continuerà a parlare. Noi, intanto, proseguiamo per la nostra strada. Cercando di fare, per quanto possibile, il bene del Ragusa calcio».

E’ successo domenica:
Ragusa-Atletico Catania:6-1
Marcatori: 22’ e 30’pt Zangara, 42’pt Manfrè, 7’st Ascia,18’st Zangara, 19’st Pecorini, 36’st Zangara

Ragusa: Di Martino (18’ st Cilmi) , La Vaccara (13’ st Criscione), Russo , Angelinetti , Caruso , Priola , Chiarenza (13’ st Sillah), Ascia, Novello (23’ st Baki), Zangara, Manfrè . Allenatore Raciti

Atletico Catania: Maraffino , Ficarra (40’pt Cultraro), Strano, Sekkoum (13’ st Ferrera), Palazzolo (13’st Presenti), Grasso, Costa (1’st Pulvirenti), Pecorini , Santonocito (1’ st Cacia), Giannazzo, Intravaia Allenatore Lanzafame

Arbitro: Falco di Siracusa
Note: spettatori circa cinquanta. Ammoniti Ascia, Priola e Pecorini. Angoli 3-0 per il Ragusa


Il Ragusa risorge. Sarà vera gloria? Si vedrà nelle prossime settimane ma è vero che dopo i giorni più difficili per la società azzurra è arrivata la seconda vittoria e il Ragusa è ora fuori dalle due ultime posizioni che significano retrocessione diretta. Un merito va ai giocatori che sono tornati tutti nei ranghi e pur senza allenamenti sulle gambe hanno giocato al loro meglio. Non ci è voluto molto contro un Atletico Catania ormai ridotto ad una parvenza di squadra, un team quasi amatoriale che va in campo solo per non rimediare il punto di penalizzazione. Ben per il Ragusa che non si è fatto sfuggire l’occasione dopo giorni davvero complicati e prospettive non ancora risolte. In campo si è visto anche l’argentino Angelinetti che potrà dare una mano in futuro.

La partita non ha avuto molto da dire. Nella prima mezzora, appena l’Atletico ha esaurito la riserva di fiato, Zangara ha colpito due volte, il primo scartando anche il portiere, il secondo da centro area deviando un tiro di Novello destinato al fondo campo. Manfrè ha arrotondato prima di andare al riposo. Nella ripresa gloria per Ascia ed una doppietta di Zangara, 4 in tutto i suoi gol. Pecorini dal suo canto segna il gol della bandiera etnea con un bel tiro da lontano.

I risultati della ottava giornata di ritorno (18 feb. 2018):
S. Pio X—Pistunina:1-0
Città di Messina-Rosolini:2-0
Adrano-Scordia:0-3 (partita sospesa)
Caltagirone-Camaro:1-2
Ragusa-Atl. Catania:6-1
Giarre-Biancavilla:0-0
Paternò-Avola:5-0
Real Aci-S. Agata:0-4

La classifica:
Città di Messina 59
Biancavilla 51
S. Agata 50
Scordia 48
Camaro 46
Paternò 42
Giarre 41
Rosolini 39
S. Pio X 30
Pistunina 22
Caltagirone 18
Avola 16
Real Aci 13
Ragusa 12
Atl. Catania 12(-1)
Adrano 9 (-2)