Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 20 Agosto 2018 - Aggiornato alle 23:15
RAGUSA - 12/02/2018
Sport - Calcio, Eccellenza/B: gli 8 gol subiti domenica dal S.Agata pesano come un macigno

Ragusa che fai? Giocatori e tecnico chiedono garanzie ad una società che annaspa. Momenti decisivi

Il campionato propone nelle prossime due giornate scontri diretti con Alt. Catania e Real Aci Foto Corrierediragusa.it

Per il Ragusa sono i giorni della verità. Dopo la figuraccia di S. Agata c’è attesa per capire come evolverà tutta la situazione. La società si è chiusa nel silenzio, consapevole di essere sull’orlo della crisi totale. I giocatori titolari si sono rifiutati di andare in trasferta domenica ed attendono il saldo di alcune spettanze arretrate prima di tornare ad allenarsi. Insieme a loro anche il tecnico Filippo Raciti, anche lui rimasto a casa, che a suo tempo aveva lanciato l’allarme. Tutto da vedere quali garanzie Franco Pluchino (foto), che da direttore sportivo ha assunto la carica di presidente, riuscirà a dare. Pluchino è rimasto praticamente solo perché quanti si erano fatti avanti ad inizio stagione si sono man mano sfilati. Una storia già vista a tutti i livelli e in molte società iblee che testimonia le difficoltà di far calcio. Franco Pluchino si è assunto l’onere di portare avanti la baracca ma anche per lui è arrivato il momento della verità.

Il tutto mentre per il Ragusa, o quel che resta di esso, si avvicina la fase più delicata della stagione. Le prossime due partite saranno in casa e contro le due rivali più dirette nella lotta per la retrocessione. Prima l’Atletico Catania e poi il Real Aci. Il futuro è nelle mani degli azzurri ma bisognerà vedere se giocatori e tecnico se la sentono di continuare ed invece decideranno di mollare tutto.

E’ successo domenica:
S.Agata-Ragusa:8-0
Marcatori: 5’pt Matera, 9’pt Cicirello, 12’pt Mincica su rigore, 23’ e 35’pt Mincica, 10’ st Matera, 13’st Cicirello, 25’ st Foglioni

S.Agata: Scurria, Russo, Mazzola, Privitera, Franchina, Andriolo, Lupo, Pino, Matera (20st′st Fogliani), Mincica (37′pt Scarlata), Cicirello. All. Bellinvia

Ragusa: Cilmi, Lo Iacono, Macca, Bachi, La Carrubba, Bellina, Saraceno, Sapuppo, Cicari. Acc. Scollo

Arbitro: Giovanni Martorana (Enna)


Disastro Ragusa. Solo in nove in campo e 8 gol al passivo per un pomeriggio da dimenticare per i giovanissimi azzurri mandati allo sbaraglio. Bisogna andare a cercare negli archivi della società azzurra una disfatta simile soprattutto una magra figura come quella rimediata contro il S. Agata che alla fine non ha infierito contro un manipolo di giocatori impreparati e stanche per la lunga trasferta affrontata ala buona. L’unica nota positiva è che il Ragusa non rimedia il punto di penalizzazione in classifica perché si è presentato in campo ma tutto il resto è da dimenticare.

Superfluo a questo punto parlare di cronaca della gara perché è stato un autentico tiro al bersaglio verso il giovane Cilmi che si è visto arrivare palloni da tutte le parti. Primo tempo chiuso sul 5-0 e «rifinito» nel secondo tempo dai giallorossi locali. Per il ragusa tempi durissimi perché il tecnico Filippo Raciti ed i titolari non intendono più continuare se non avranno le garanzie economiche loro garantite e la società, nella veste del presidente Franco Pluchino annaspa e forse è anche sott’acqua.

I risultati della settima giornata di ritorno (11 feb. 2018):
Camaro-Real Aci:3—0
Atl. Catania-Città di Messina:0-4
Avola-Adrano:1-0
Biancavilla-S. Pio X:4-1
Rosolini-Paternò:0-2
Sant’Agata-Ragusa:8-0
Scordia-Giarre:1-0
Pistunina-Caltagirone:0-0

La classifica:
Città di Messina 56
Biancavilla 50
Scordia 45
Camaro 43
Giarre 40
Paternò 39
Rosolini 39
S. Pio X 27
Pistunina 22
Caltagirone 18
Avola 16
Real Aci 13
Atl. Catania 12 (-1)
Adrano 9 (-2)
Ragusa 9