Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 12 Novembre 2018 - Aggiornato alle 15:14
RAGUSA - 25/01/2018
Sport - Pallamano, A1: riprende il campionato dopo un mese di pausa

Pallamano Ragusa vuole far punti a Fondi: impresa difficile

Il sette di Roberto Giuffrida ancora ultimo a zero punti in classifica Foto Corrierediragusa.it

Torna a giocare la Pallamano Ragusa. Sabato il sette allenato da Roberto Giuffrida (foto) giocherà a Pontinia contro il Fondi. La gara si disputerà sul campo di Pontinia Tra i ragusani mancheranno le due ali destre, Giorgio Noto e Michele Scarnato. E si tratta di una mancanza importante perché, in qualche modo, occorre riorganizzare l’attacco della fase mancina. La società ragusana, ad ogni modo, pur consapevole dello spessore dell’avversario, si presenta sul rettangolo di gioco contro il Fondi con la consapevolezza di avere tutta l’opportunità di disputare una buona gara.

«Non sarà semplice – sottolinea il presidente Giuseppe Girasa – perché, ancora una volta, ci troveremo di fronte a una squadra che non scopriamo certo noi ma che possiede un organico di tutto rispetto. A ogni modo dovremo dimostrare di potere arrivare sino in fondo con la capacità di mettere in evidente rilievo i nostri punti di forza. E perché ciò accada è anche necessario registrare la difesa nel migliore dei modi per evitare defaillance. Sono certo che questa pausa prolungata abbia consentito ai nostri ragazzi di mettere meglio in evidenza le proprie doti tecniche e fisiche. Speriamo che questo match ci porti fortuna e che il 2018 inizi nella maniera migliore per i nostri colori. Vale la pena di ricordare che a fine febbraio si concluderà la regular season e poi prenderà il via la seconda fase del campionato. Si andrà avanti una fase dopo l’altra. E possiamo dire che il mese di marzo sarà decisivo per i nostri colori».