Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 21 Maggio 2018 - Aggiornato alle 19:41
RAGUSA - 15/01/2018
Sport - Basket, serie C: il quintetto di Di Gregorio al quarto posto con 18 punti

Nova Virtus passa ad Alcamo ed è in zona play off

Netta la differenza tecnica ed atletica nonostante le assenze tra i biancazzurri Foto Corrierediragusa.it

Alcamo-Nova Virtus Ragusa: 59-79 (13-25, 24-47, 37-58)

Alcamo: Genovese 9, Ranalli 13,Bottiglia 6, Calò 9, André 11, Manfre´11, Milana Agrusa, Farina, All. Ferrara

Nova Virtus Ragusa: Licitra 5, Idrissou 9, Carnazza 12, Canzonieri 27, Dinatale 7, Vacirca 6, Girgenti 10, Simon 3, Bocchieri. All. Di Gregorio


Netto il divario tecnico-atletico tra Alcamo e Nova Virtus. I ragusani, nonostante le assenze di capitan Sorrentino, Mammana e Ferlito, si sono imposti nettamente. Alcamo ha tentato una reazione nel terzo tempino ma è stato un fuoco di paglia. La Nova Virtus gioca ben in difesa e blocca la fonte del gioco avversario. Idrissou e Simon fanno un gran lavoro a rimbalzo e Canzonieri firma la migliore prestazione della stagione in corso. Sua la pioggia di canestri, con quattro triple consecutive, che fa volare Ragusa a +10, spianando una strada via via in discesa.

La reazione di Alcamo, al rientro dall’intervallo lungo, è troppo labile, Ranalli e Manfrè ci provano ma Carnazza e Girgenti spazzano via le deboli speranze della Libertas. Il risultato finale è chiaro sin dal principio, e consegna due punti chiave alla Virtus ricaricata psicologicamente per la delicata sfida di domenica prossima contro il Basket School Messina. Dice coach di Gregorio: «Siamo stati determinati sul piano dell’intensità. sono molto soddisfatto di tutti, nessuno escluso. È ancora troppo presto per parlare di playoff ma era importante vincere per la classifica, e tenerli a debita distanza. La percentuale ai tiri è migliorata così come la costanza dei 40’, prova di quanto questi elementi dipendano dal fattore psicologico. La chiave del match penso sia stata la partenza, ci siamo liberati mentalmente dalle sconfitte e dai pochi canestri delle scorse gare, e questo ci ha permesso di fare bene sin dai primissimi minuti».